Termosifoni a 19 gradi per l'inverno: attenzione a multe e controlli

Elderly person turning down the central heating with a wireless thermostat
Termosifoni a 19 gradi per l'inverno: attenzione a multe e controlli

Il Ministero della Transizione ecologica ha pubblicato il Regolamento per "realizzare da subito risparmi utili". Arriva l'inverno e gli italiani devono fare i conti con un brusco incremento delle bollette. I termosifoni dovranno essere fissati a 19 gradi, ma come controllare (e multare) chi non rispetta le regole?

VIDEO - Crisi del gas, tutti i trucchi per risparmiare suggeriti dall'ENEA

Il piano del ministro Cingolani prevede un abbassamento dei termosifoni per risparmiare gas. Da ottobre i caloriferi dovranno essere abbassati di un grado sia negli edifici pubblici sia in quelli privati. Il riscaldamento passerà così da 20 a 19 gradi.

LEGGI ANCHE: Bollette, i consigli utili per risparmiare su gas e luce

Impossibile però che la polizia locale si rechi casa per casa per controllare la temperatura all'interno dei singoli appartamenti. Attenzione in particolare alle abitazioni con il riscaldamento centralizzato, le quali potrebbero essere più soggette ai controlli.

GUARDA ANCHE - Falsi miti sul risparmio energetico in casa, sfatiamone 4

Agli amministratori di condominio il compito di verificare che la temperatura sia ferma a 19 gradi. Non si escludono però controlli a campione anche nelle abitazioni private. Il piano, tuttavia, non è ancora stato definito.

LEGGI ANCHE: Risparmio energetico, come usare il frigorifero senza sprechi: fai così

Più difficili, invece, i controlli nelle case con riscaldamento autonomo. Data la difficoltà di effettuare i controlli, è probabile che il Governo miri a far rispettare le regole, sensibilizzando i cittadini. Sarebbero già pronti spot e campagne per promuovere il risparmio energetico.

LEGGI ANCHE: Bollette alle stelle in tutta Europa: la situazione negli altri Paesi

Ancora non è chiaro quali saranno le multe e le sanzioni previste per i trasgressori. Il Governo è ancora al lavoro sulla stesura del decreto e si attendono provvedimenti per chi non rispetta le regole previste.