Terremoto centro Italia, ancora bloccati i 34 milioni donati da sms

terremoto centro italia

Sono passati tre anni da quanto la terra del centro Italia tremò, distruggendo edifici e creando morte e terrore. Gli italiani non furono indifferenti a quella tragedia e alla disperazione degli abitanti di quelle terre. Presero il loro smartphone e inviarono tramite sms solidali, oltre 34 milioni di euro per aiutare quelle zone a tornare a vivere. Stando a quanto riportato dal sito ilmessaggero.it, i fondi si trovano ancora bloccati per colpa della burocrazia.

La raccolta dei fondi è stata gestita dalla Protezione Civile Nazionale, la quale ha istituito il Comitato dei garanti con l’obiettivo di supervisionare l’utilizzo dei fondi raccolti e destinarli alla più corretta e rapida destinazione. In totale sono stati raccolti esattamente 34.537.834 euro. Il denaro, sulla base delle indicazioni fornite dalle cabine di coordinamento regionali, d’accordo con i territori, è diviso tra 4 regioni: Marche, Umbria, Lazio e Abruzzo.

Terremoto centro Italia, bloccati i fondi

I progetti accolti dal Comitato dei garanti sono stati 94. Questi 94 progetti, da realizzare nelle quattro regioni scelte, si suddividevano in altri interventi più piccoli, fino ad arrivare ad oltre 150. Di questi, solo 8 sono stati portati a termine. I lavori riguardavano la ricostruzione o la ristrutturazione di strade, scuole e luoghi di aggregazione. Ma anche elisuperfici per il soccorso medico, beni culturali e reti wi-fi. Tutto fatto con lo scopo di poter far tornare a vivere una vita normale alle persone colpite dal terremoto. Al momento, molti progetti rimangono ancora bloccati.