Terremoto di magnitudo 3.8 in Friuli: avvertito anche in Veneto

terremoto friuli

Dopo la scossa di terremoto in Albania, che ieri aveva allarmato alcune zone della Puglia, la Terra torna a tremare. Una scossa di terremoto di magnitudo 3.8, infatti, è stata registrata alle ore 14.58 di oggi, 22 settembre 2019, nel nord-est Italia e precisamente nella zona di Udine.

Scossa di terremoto in Friuli

In base a quanto riportato dall’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia, il terremoto è avvenuto in provincia di Udine, ad una profondità di 13 km. Epicentro localizzato precisamente sull’alto Friutli, tra Tolmezzo, Arta Terme e Villa Santina. In base ai dati a disposizione dei sismografi dell’INGV, si tratta di un terremoto di magnitudo 3.8 sulla scala richter.

La scossa è stata ben avvertita nell’area dell’epicentro, con tremori e boati che sono durati un paio di secondi. Scosse percepite lievemente anche oltre i 30 chilometri dall’epicentro, estendendosi fino ad Udine, Gorizia e Pordenone. In base alle prime segnalazione, il terremoto è stato avvertito anche in Veneto, specie nel bellunese e a Cortina d’Ampezzo.

Secondo i dati forniti dall’Ingv, la scossa è stata registrata il 22-09-2019 alle ore 14:58 con coordinate geografiche (lat, lon) 46.44, 13, a una profondità di 13 chilometri. Zuglio, Arta Terme, Lauco, Verzegnis, Villa Santina, Cavazzo Carnico, Sutrio, Enemonzo, Raveo, Amaro, Cercivento i Comuni, tutti nella provincia di Udine, distanti meno di dieci chilometri dall’epicentro del terremoto.

Come comunicato attraverso un tweet dal Dipartimento della Protezione Civile, non risultano al momento danni e feriti causati dal terremoto.