Terremoto di magnitudo 6.0 in Bosnia Erzegovina: avvertito anche al Centro e al Sud Italia

·2 minuto per la lettura
terremoto danni
terremoto danni

Una scossa di terremoto di magnitudo 6.0 ha fatto tremare la terra in Bosnia Erzegovina. Il fenomeno sismico è stato registrato dall’Istituto nazionale di Geofisica e Vulcanologia nella serata di venerdì 22 aprile. L’epicentro è stato individuato tra Mostar e Dubrovnik e ha avuto una profondità di 10 chilometri.

Il sisma si è propagato sino a 400 chilometri dall’epicentro ed è stato avvertito in tutto il Centro e il Sud Italia.

Bosnia Erzegovina, terremoto di magnitudo 6.0 tra Mostar e Dubrovnik

Nella serata di venerdì 22 aprile, alle 21:07:51 ora locale, corrispondenti alle 23:07:51 ora italiana, l’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (INGV) ha rilevato una scossa ondulatoria di magnitudo 6.0 in Bosnia Erzegovina.

Il terremoto di magnitudo 6.0, sulla base delle informazioni diramate dall’INGV e dall’European-Mediterranean Sismological Centre, ha avuto un epicentro localizzato tra Mostar e Dubrovnik, a pochi chilometri dalla costa adriatica serba e in prossimità del confine con l’Albania. L’ipocentro ha avuto una profondità pari a 10 chilometri. Per quanto riguarda le coordinate geografiche del sisma registrato entro i confini siciliani, sono state indicate una latitudine pari a 42.8140 e una longitudine pari a 18.0720.

In considerazione della sua scarsa profondità e dell’elevata magnitudo, il sisma è stato avvertito in un raggio di 400 chilometri. Molte segnalazioni, infatti, sono pervenute non solo dai luoghi nelle vicinanze dell’epicentro ma anche da molte città e Regioni del Centro e del Sud Italia.

Scossa ondulatoria: danni in Bosnia e segnalazioni in Italia

In seguito al terremoto, sul web hanno cominciato ad essere diffusi video e foto che ritraggono i danni causati dal fenomeno nelle località colpite in Bosnia Erzegovina. Dalle immagini diffuse, è evidente che il sisma abbia provocato danni strutturali a edifici e strade. Non è ancora stato reso noto se siano presenti feriti o vittime.

L’entità della scossa ondulatoria è stata avvertita in modo forte e significativo in quasi tutta Italia. La Protezione Civile, infatti, ha ricevuto segnalazioni da città come Napoli, Roma, Bari, Ancona, Isernia e molte altre località situate lungo la costa adriatica.

Allo stesso modo, sono pervenute numerose testimonianze da parte degli utenti sui social, soprattutto su Twitter, dove l’hashtag #terremoto è entrato rapidamente in tendenza.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli