Terremoto in Emilia-Romagna: scossa di magnitudo 3.4 a Correggio

terremoto emilia romagna

Nel pomeriggio di sabato 22 febbraio 2020 l’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia ha registrato una scossa di terremoto di magnitudo 3.4 in Emilia-Romagna. L’epicentro è stato localizzato a Correggio, in provincia di Reggio Emilia, a 6 km di profondità.

Terremoto in Emilia-Romagna

Stando alle prime informazioni giunte il sisma sarebbe stata avvertito dalla popolazione, soprattutto quella residente ai piani alti. L’ora esatta in cui ha avuto luogo è 13:31:31 e le coordinate geografiche sono pari a 44.77 la latitudine e 10.78 la longitudine.

Tra i comuni maggiormente vicini all’origine del terremoto l’INGV ha segnalato San Martino in Rio a 4 km di distanza, Rio Saliceto a 5, Carpi a 8, Campagnola Emilia a 9, Bagnolo in Piano, Novellara e Campogalliano tutti distanti 10 km. Vi sarebbero poi Fabbrico, Soliera e Rubiera di cui le prime due distano 12 km e la terza 13.

Tenendo invece in considerazione le città più prossime con almeno 50.000 abitanti quella più vicina è Carpi che ne conta 70.699. Seguono poi Reggio Emilia, Modena e Parma rispettivamente a 14, 18 e 36 km di distanza da Correggio.

Il sindaco della cittadina, Ilenia Malavasi, ha confermato di aver sentito la scossa, durata pochissimo e di tipo sussultorio senza causare il movimento dei lampadari. Ha poi spiegato che, nonostante l’assenza di danni segnalati a cose o persone, nelle aziende sono scattati diversi allarmi. “Ci siamo immediatamente attivati precauzionalmente coi nostri tecnici e la protezione civile. Stiamo già mettendo in atto in questi minuti tutte le verifiche opportune su edifici pubblici e in particolare sulle scuole“, ha assicurato.