Terremoto Filippine: almeno 8 morti e decine di feriti

terremoto filippine

Tre forti scosse di terremoto hanno devastato le Filippine. La provincia dove si sono registrati i maggiori danni è quella di Batanes, composta da isole poco popolate a nord della più grande isola dell’arcipelago, Luzon. Gli eventi di magnitudo 5.4, 5.9 (che ha colpito alle 01:37 ora italiana) e 5.7 hanno provocato danni a persone e cose.

Stando a quanto riportato dal sito meteoweb.eu, le autorità avrebbero fornito un primo bilancio di quanto successo. Si parla di almeno 8 vittime confermate e decine di feriti. Ma come spesso accade in questi casi, purtroppo, il bilancio è destinato ad aumentare. La governatrice locale Marilou Cayco ha confermato il numero delle vittime.

Terremoto Filippine: no allerta tsunami

Al momento comunque non è stata diramata alcuna allerta tsunami. Le autorità hanno invitato la popolazione a stare alla larga dalle case danneggiate vista la possibilità di crolli. Gli epicentri sono stati localizzati in mare in prossimità dell’isola di Itbayat. Precisamente sono stati calcolati tra 14 e 21 km a est della località di Itbayat con ipocentro alla profondità di circa 10 km.

L’istituto di geofisica americano ha registrato le tre scosse. La prima, di magnitudo 5.4, si è verificata alle 4:16 ora locale di sabato 27 luglio, quando in Italia erano le 22:16 di venerdì 26 luglio, con epicentro nel nord dell’isola di Itbayat. La seconda ha avuto una magnitudo di 5.9 e si è verificata alle 7:38 (l’1:38 in Italia), con un epicentro in mare a nord-est di Itbayat. Le scosse di assestamento successive si sono verificate sempre nella stessa zona. La più forte è stata quella di magnitudo 5.7, rilevata dall’Usgs alle 9:24 (le 3:24 in Italia).