Terremoto in Indonesia: registrate due forti scosse nel paese durante la notte

sismografo
sismografo

Grande paura in Indonesia dove nelle scorse ore (mentre in Italia tutti dormivano) sono state registrate due fortissime scosse di terremoto, arrivate a distanza ravvicinata. La prima si è prodotta quando in Italia erano le 1:31 di notte, per una magnitudo di 6,3 gradi della Scala Richter nella zona di Irian Jaya. La seconda scossa di assestamento è stata leggermente meno forte, con una magnitudo di 6,3 gradi della scala Richter con epicentro a Sarni.

Le prime informazioni sul sisma indonesiano

Stando alle ricostruzioni dei sismologi, entrambe le scosse hanno avuto una profondità piuttosto supeerficiale. Sia la prima sia la seconda scossa, entrambe registrate a circa 272 chilometri dalla città di Abepura, si sono prodotte a circa 15 kilometri e, proprio per questo, devono essere state percepite come particolarmente forti da parte della popolazione che, ad ogni modo, è ormai decisamente abituataa sismi anche piuttosto forti.

Il bilancio

Fortunatamente, stando a quanto riportano i media locali, non si registrerebbero a causa del primo e del secondo sisma (almeno in un primissimo momento) né morti né feriti. Tuttavia, con un tweet pubblicato a breve distanza temporale dal sisma, l’Indonesian Meteorology and Geophysics Agency ha segnalato lievi danni a diversi edifici della zona.

I precedenti più recenti e distruttivi

L’Indonesia si trova in una delle zone più attive a livello sismico e vulcanologico del mondo, di conseguenza terremoti di magnitudo importante non ci devono stupire. Il paese, infatti, è posizionato in quella che viene comunemente chiamata “Cintura di Fuoco”, un ideale cerchio di intensa attività sismica dove avviene lo scontro fra placche che si estende dal Giappone a tutto il Sudest asiatico passando per il Pacifico.

L’ultima volta che in Indonesia è stato registrato un terremoto davvero distruttivo è stato a gennaio 2021, quando un sisma ha colpito l’isola di Sulawesi, causando oltre 100 vittime e riducendo i palazzi ad un ammasso di macerie nella città costiera di Mamuju.