Terremoto Juve: Agnelli lascia, tutto il Cda si dimette

Terremoto Juve: Agnelli lascia, tutto il Cda si dimette (REUTERS/Massimo Pinca)
Terremoto Juve: Agnelli lascia, tutto il Cda si dimette (REUTERS/Massimo Pinca)

Il Consiglio di amministrazione della Juventus, compreso il presidente Andrea Agnelli, si è dimesso. Nel consiglio straordinario della società bianconera tenutosi alla Continassa, il numero uno bianconero ha presentato le proprie dimissioni insieme al suo vice Pavel Nedved, l'ad Maurizio Arrivabene e gli altri membri del Consiglio.

LEGGI ANCHE: Exor ha scelto: il nuovo presidente della Juventus è Gianluca Ferrero

VIDEO - Juventus, si è dimesso il CDA

Lo conferma la società in un comunicato: "L'intero consiglio di amministrazione della Juventus questa sera, dopo un consiglio straordinario del cda. I membri del Consiglio di Amministrazione, considerata la centralità e rilevanza delle questioni legali e tecnico-contabili pendenti, hanno ritenuto conforme al miglior interesse sociale raccomandare che Juventus si doti di un nuovo Consiglio di Amministrazione che affronti questi temi".

LEGGI ANCHE: Juve-plusvalenze, i PM: 'Nuova calciopoli? Inchiesta chiusa, passeremo tutto alla giustizia sportiva. Le intercettazioni...'

Decisive, secondo le prime ricostruzioni, le contestazioni della Consob sulle plusvalenze. Il coinvolgimento nell'indagine Prisma, aperta dalla Procura di Torino con l'accusa di falso in bilancio, con tanto di contestazioni della Consob che hanno costretto la società a rivedere il progetto di bilancio facendo slittare due volte l'assemblea degli azionisti, hanno portato al passo indietro unanime.

LEGGI ANCHE: Inchiesta Prisma, Agnelli convocati i dipendenti: 'Tutti uniti, il club ha sempre agito con correttezza'

Andrea Agnelli, che lascia la Juventus dopo 12 anni, ha scritto una lettera a tutti i dipendenti del club in cui rivendica i "risultati straordinari" tra i quali la realizzazione dello Stadium, i nove scudetti consecutivi tra gli uomini e i cinque di fila tra le donne. Parla anche delle due finali di Champions League perse a Berlino e a Cardiff ("i nostri grandi rimpianti", li definisce), per poi osservare: "Stiamo affrontando un momento delicato societariamente e la compattezza è venuta meno. Meglio lasciare tutti insieme dando la possibilità ad una nuova formazione di ribaltare quella partita".

VIDEO - Chi è Andrea Agnelli?

LEGGI ANCHE: Plusvalenze e manovra stipendi, la Juve va allo scontro totale con la Consob? Agnelli prepara la mossa

Nella serata in cui sono stati azzerati i vertici societari, Maurizio Scanavino è stato nominato nuovo direttore generale della Juventus. Manager classe 1973, Scanavino è reduce dall'esperienza di amministratore delegato e direttore generale del gruppo editoriale GEDI, di proprietà della famiglia Agnelli.

GUARDA ANCHE: La fine di un’era: tutto il cda della Juve si dimette. La reazione del web