Terremoto nelle Marche: scossa M 3.3 tra Macerata e Perugia

terremoto macerata

Paura nella notte tra il 25 e il 26 dicembre per un terremoto che ha colpito la zona tra le Marche e l’Umbria. La scossa, stando alle prime stime era stata indicata una magnitudo tra il grado 3.2 e 3.7, poi confermata 3.3 della scala Richter. Il sisma ha provocato momenti di grande paura tra la popolazione a causa del ricordo di eventi sismici che hanno colpito la regioni in maniera disastrosa in passato.

Terremoto nelle Marche

La scossa è stata registrata dai sismografi alle 4.17 della notte tra il 25 e il 26 dicembre e sarebbe stata localizzata tra Macerata e Perugia, a pochi chilometri dal confine con l’Umbria, ad una profondità di 63 km. La profondità dell’ipocentro e l’intensità lieve hanno fatto sì che il terremoto non provocasse gravi danni anche se la scossa è stata chiaramente avvertita dalla popolazione, gettata nello sconforto dopo una giornata di festeggiamenti per Natale. Le autorità locali non hanno segnalato crolli o feriti nella zona, ma solo grande spavento.

Torna la paura

La zona tra Macerata e Perugia, così come la Regione Marche in generale, è un territorio soggetto ad eventi sismici che spesso hanno portata limitata mentre in altri casi possono essere anche distruttivi. Nel solo mese di dicembre sono state numerose le scosse avvertite dalla popolazione: nella notte tra il 20 e il 21 dicembre un terremoto di magnitudo 2.6 si è verificato a Castelsantangelo sul Nera ed è stato avvertito anche a Norcia e Arquata del Tronto, la medesima zona colpita dal terribile terremoto nel Centro Italia del 2016 che portò distruzione e morte radendo al suolo interi borghi.