Terremoto Mugello, 36 scosse in 12 ore

webinfo@adnkronos.com

Paura nel Mugello. Una scossa di terremoto di magnitudo 4.5 Richter è stata registrata dall'Ingv alle 4:37 con epicentro individuato 25 chilometri circa a nord di Firenze tra i comuni di Scarperia e San Piero e Barberino del Mugello. L'evento sismico in provincia di Firenze è stato localizzato dalla Rete Sismica Nazionale ad una profondità di 9 chilometri. 

La Sala di Protezione civile di Firenze sta monitorando la situazione e l'Unione dei comuni del Mugello ha aperto la Sala intercomunale di protezione civile a Borgo. Avviate le verifiche agli edifici, negli ospedali e lungo le arterie stradali. Più di 70 le richieste pervenute ai Vigili del Fuoco per le prime verifiche sulla stabilità degli edifici: al momento l'unico edificio chiuso è la chiesa di San Silvestro a Barberino.Stando a quanto apprende l'AdnKronos dal geologo toscano Vittorio Doriano, già vice presidente del Consiglio nazionale dei geologi, il terremoto avrebbe danneggiato sia la chiesa di Barberino del Mugello, "dove si segnalano dei problemi, probabilmente delle lesioni", che "al campanile di Cavallina".Le scuole resteranno chiuse a Barberino di Mugello, Borgo San Lorenzo, Dicomano, Marradi, Palazzuolo sul Senio, Firenzuola, Vaglia, Vicchio. Istituti scolastici chiusi anche a Vernio (Prato) dove resterà inaccessibile anche il palazzo del Comune in via precauzionale per consentire le verifiche.  

PREFETTO - In seguito alle scosse, ad ogni modo, "non c' è nessuna situazione di allarme, non ci sono danni a persone" ha reso noto il prefetto di Firenze Laura Lega, in contatto con i vari sindaci del territorio. Alle 7 la Sala Integrata di Protezione civile di Firenze ha aperto il Centro coordinamento soccorsi. Secondo quanto spiegato dal prefetto, al momento sarebbero oltre 25 gli interventi dei Vigili del Fuoco per crepe in alcune abitazioni, ma i danni registrati in alcuni edifici "non sono particolarmente gravi". 

SCIAME SISMICO - Sono state 36 le scosse che si sono verificate nell'area del Mugello nelle ultime 12 ore: la più forte, quella di magnitudo 4.5 registrata dall'Ingv alle 4:37. Lo sciame sismico è iniziato intorno alle 20 di domenica: la sala di protezione civile di Firenze ha segnalato che alle 21:13 e alle 21:14 sono state registrate dalla Rete Sismica Nazionale altre due scosse di magnitudo 2.8 e 2.0 ad una profondità di 6 e 7 km, con epicentro a Scarperia e San Piero.  

TRENI - In seguito alle scosse, il traffico ferroviario sulle linee AV Bologna–Firenze e Firenze–Roma direttissima e convenzionale è stato prima sospeso in via precauzionale e poi ripristinato e sta tornando progressivamente alla normalità. Lo riferisce Rfi, precisando che proseguono le verifiche dello stato dell'infrastruttura da parte dei tecnici. 

ROSSI - "La situazione è prevalentemente di paura, poi ci sono segnalazioni qualche decina ad opera dei Vigili del Fuoco per alcune case con crepe nei muri. Cittadini particolarmente preoccupati, hanno passato una brutta nottata" ha affermato il presidente della Regione Toscana Enrico Rossi, a 'SkyTg24', al termine di una riunione con i sindaci delle aree colpite e la protezione civile. "La decisione presa con il consenso di tutti è innanzitutto l'allestimento di una settantina di letti nella palestra a Barberino del Mugello e dopo cominciare la costruzione di un campo di tende nella zona della Protezione Civile, vicino al lago per qualche centinaia di persone". 

NARDELLA - "Dopo la riunione alla Protezione Civile possiamo dire che nelle ultime 12 ore si sono verificate 36 scosse e che il picco è stato questa notte alle 4:37, magnitudo 4.5 a 9 km di profondità, con epicentro tra Scarperia e San Piero in Mugello. Lo spavento è stato forte, ma secondo quanto riportato dalla prefettura non c'è una situazione di allarme" ha scritto poi Dario Nardella, nella sua veste di sindaco della Città metropolitana di Firenze, su Facebook. Per ora nel comune fiorentino non risultano segnalazioni di danni a cose o persone e le scuole restano tutte aperte. 

VICCHIO - "La scossa è stata abbastanza lunga, soprattutto la prima, sono caduti oggetti in un supermercato ma non abbiamo al momento verificato danni a persone o cose. Le notizie arrivano però in modo frammentario" ha raccontato Filippo Carlà Campa, il sindaco di Vicchio, comune vicino all'epicentro delle scosse, al giornale 'Radio Rai'. ''La popolazione si è riversata nelle piazze: proprio quest'anno ricorre il centesimo anniversario del terremoto che nel 1919 distrusse il Mugello''.