Terremoto, sindaco L’Aquila: peccato originale ricostruzione pubblica

Red
·2 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 11 mar. (askanews) - "La ricostruzione degli edifici privati è a un buon punto: il percorso è giunto all'80% e nei prossimi due, tre anni al massimo, potrà dirsi concluso. Siamo sotto la "soglia fisiologica" delle circa mille pratiche che rimangono da istruire con altre 28.500 già concluse. Il discorso cambia, e molto, per la ricostruzione pubblica, giunta faticosamente al 60% e sottoposta alla rigidità della normativa sugli appalti pubblici, farraginosa e spesso contradditoria. C'è un peccato originale, a mio avviso".

Lo afferma in una intervista a Dimensione Informazione, il mensile di economia, politica e società diretto da Roberto Serrentino, Pierluigi Biondi, sindaco dell'Aquila dal 2017.

"Nel 2012, in maniera frettolosa e poco lungimirante, l'amministrazione che mi ha preceduto chiese e ottenne la fine dello stato di emergenza, quando in realtà la situazione necessitava ancora di poteri speciali in grado di condurre al compimento della ricostruzione di scuole, chiese, monumenti ed edifici di rilevanza pubblica - prosegue Biondi -. L'Aquila è passata, così, da fase emergenziale a ordinaria, di fatto bloccata nel momento in cui tutto stava partendo. Poco alla volta abbiamo cercato di recuperare il tempo perduto: il prossimo autunno sarà riconsegnato alla comunità Palazzo Margherita, il palazzo di città; sono state ricostruiti due istituti scolastici, i cui iter amministrativi erano rimasti imbrigliati dalla burocrazia. Nel campo dell'edilizia scolastica stiamo sfruttando al massimo la possibilità di ricorrere ai poteri commissariali, concessi dal Decreto Scuola dell'aprile scorso. L'opportunità che non si è riusciti a cogliere immediatamente dopo il terremoto è stata quella di cimentarsi in una nuova visione per il territorio, disancorata dalle certezze dogmatiche del "dov'era e com'era", non definendo sin da subito una strategia prospettica negli anni. La rotta è stata invertita, ma il potenziale resta invariato ed è su questo che stiamo lavorando".