Terremoto a Trento, scossa avvertita anche a Verona e sul Garda

terremoto trento

L’Istituto nazionale di Geofisica e Vulcanologia ha registrato una scossa di terremoto di magnitudo 3.4 nella zona di Trento. La popolazione si è svegliata di soprassalto la mattina di giovedì 8 agosto. L’epicentro del sisma, inoltre, si trova a Vallarsa; la profondità, invece, è stata di 12 chilometri. La terra ha iniziato a tremare poco dopo le 7:30 (7:36 precisamente): colpiti comuni limitrofi di Ala, Brentonico, Avio, Trambileno, Mori, Rovereto, Isera.

Terremoto a Trento

La scossa di magnitudo 3.4 che ha colpito la zona di Trento è stata avvertita particolarmente dai cittadini di Rovereto, nell’alto lago di Garda. Le segnalazioni, però, sono arrivare anche da alcuni cittadini Veneti: in particolare dalla zona della Valpolicella, che precede l’inizio delle Prealpi veronesi. Paura anche nel veronese e in provincia di Trento. L’Ingv ha rivisto i primi dati affermando una potenza di 3.4 sulla scala Richter. L’ipocentro, inoltre, è stato registrato a 12 chilometri di profondità; mentre l’epicentro si trovava tra i comuni di Ala e Vallarsa, a 30 km a sud di Trento e vicino al lago di Garda. Svegliati dalla scossa anche i comuni limitrofi di Riva del Garda, Malcesine, Brenzone sul Garda e Recoaro Terme. Infine, segnalazioni anche dai cittadini veronesi e vicentini.

Terremoto a Muro Lucano

Nella mattinata di giovedì 8 agosto la terra ha tremato anche nel sud Italia: in particolare è stata colpita la zona di Muro Lucano, al confine tra Basilicata e Calabria. Magnitudo 3.1 sulla scala Richter, la scossa è stata registrata intorno alle 7.31, pochi minuti prima della successiva segnalata a Trento. La profondità del sisma che ha colpito il comune in provincia di Potenza era di 7.3 chilometri. I cittadini salernitani hanno avvertito la scossa e sono scesi velocemente in strada. Non si registrano feriti.