Terreno franato sulla A26, Autostrade per l'Italia chiude un tratto

Frana sulla A26, direzione Genova

Frana sull’autostrada A26, direzione Genova, all’altezza del casello di Masone. L’evento ha avuto luogo nella tarda mattinata di oggi, 9 giugno 2020, probabilmente dovuto alle incessanti e torrenziali piogge che si sono abbattute sulla Regione nei giorni scorsi.

Frana a Genova sulla A26

Enrico Piccardo, vicepresidente della Sol Unione dei Comuni delle Valli Stura Orba e Leira nonché sindaco di Masone, ha lanciato l’allarme alle ore 13 raccomandando massima prudenza per gli automobilisti sul tratto autostradale.

LEGGI ANCHE: Ponte Morandi, un cerchio e 43 alberi ecco la “radura della memoria”

Autostrade per l’Italia non ha momentaneamente deciso di chiudere il tratto, bensì di bloccare l’entrata dal casello di Masone in entrambe le direzioni, mentre questo rimane aperto in uscita. Per accertarsi dei danni al manto stradale e dell’entità della frana, sono accorsi sul posto la Polizia Locale, la Polstrada e alcuni tecnici Aspi.

Rami e detriti, chiuso il casello di Masone

“Su Masone abbiamo avuto un movimento franoso che interessa la parte degli svincoli. Al momento ci sono i geologi sul posto e stanno valutando la situazione”, spiega il direttore Aspi, Mirko Nanni, “in particolare a monte dell’ammasso franato per verificare se sia possibile, in concomitanza con l’intervento la riapertura a senso unico alternato. Il sopralluogo dei geologi è in corso”. Non si sono registrati disagi sulla viabilità, nonostante l’avvenuta chiusura del casello per le attività di pulizia e le verifiche dei tenici, sul versante laterale esterno dell’autostrada.

“La chiusura è stata decisa a seguito del rinvenimento di alcuni rami e detriti sulle rampe di accesso, a causa del maltempo”, ha riportato in una nota Autostrade per l’Italia. Per il momento non ci sono ulteriori aggiornamenti.