Terrorismo: De Corato, 'bene arresti, ora certezza della pena senza sconti e benefici' (2)

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

(Adnkronos) – Quest’ultimo è "proprio uno dei sette ex brigatisti arrestati stamattina. Con lui, ci sono anche Narciso Manenti, nativo di Telgate (Bg), appartenente ai 'nuclei armati per il contropotere territoriale' e responsabile dell’omicidio aggravato dell’appuntato dei carabinieri Giuseppe Guerrieri, assassinato a Bergamo il 13 marzo 1979, e Sergio Tornaghi, nato a Milano, ex esponente delle Brigate Rosse e condannato per gli omicidi commessi nel capoluogo lombardo del direttore generale della Marelli di Sesto San Giovanni, Renato Briano, il 12 novembre 1980, del direttore del Policlinico di Milano, Luigi Marangoni, il 17 febbraio 1981 e del maresciallo dei carabinieri Francesco Di Cataldo il 20 aprile 1978".

"Non mi stupirei certamente -avverte l'assessore lombardo- di vedere manifestazioni e sit-in, anche non autorizzati, di una certa sinistra e dei centri sociali, come successo già per l’ex brigatista Cesare Battisti e per il no-global Vincenzo Vecchi". Tuttavia, conclude, "mi auguro che da parte della magistratura, per questi delinquenti ci sia la certezza della pena, ovvero che ognuno di loro sconti sino all’ultimo giorno, senza benefici e riduzioni, la condanna ricevuta".