Terrorismo, legale ex Br Di Marzio: "mandato arresto europeo illegale, nuova udienza 24/11"

·4 minuto per la lettura

E’ stata fissata dalla Corte di Appello di Parigi per il 24 novembre prossimo la nuova udienza per l’ex militante delle Brigate Rosse Maurizio Di Marzio che ieri si è presentato davanti al giudice. La Difesa, nel corso dell’udienza, ha sostenuto che il mandato di arresto europeo nei confronti di Di Marzio era un "atto illegale e irricevibile" e ha sollevato la questione legata alla prescrizione "che è scattata secondo la legge italiana il 10 maggio", chiedendo, insieme alla Procura, "un ulteriore complemento di informazioni sulla procedura di estradizione che è incompleta".

Durante l'udienza, spiega all’Adnkronos l’avvocato di Di Marzio, Irene Terrel, "ho stigmatizzato il fatto che il mandato d’arresto europeo nei confronti di Maurizio Di Marzio era illegale, nullo e irricevibile. Il mandato europeo non può che riguardare fatti successivi al 1993 mentre per Di Marzio si tratta di fatti del 1981. E l’Italia lo sa perfettamente. Per andare più in fretta lo Stato italiano ha emesso un atto illegale. Tutto questo è stato evocato e stigmatizzato ieri durante l’udienza".

Nel corso dell’udienza Terrel ha sollevato anche la questione della prescrizione. "La prescrizione a Di Marzio secondo la legge italiana è scatta il 10 maggio scorso. E’ una procedura irregolare quella avanzata dall’Italia", sottolinea la legale dell’ex militante delle Br che deve ancora scontare un residuo di pena a 5 anni e 9 mesi di carcere per banda armata, associazione sovversiva, sequestro di persona e rapina.

"Abbiamo difficoltà a credere a questa vicenda delle prescrizioni che fluttuano a secondo dei ‘desiderata’ della politica", aggiunge Terrel. "E’ una procedura irregolare: la pena era estinta ma stranamente l’Italia l’11 maggio non ha ritirato la richiesta di estradizione come avrebbe dovuto fare e poi ha annunciato che è stata prorogata. La proroga è stata depositata l’8 luglio e il 9 luglio è stata avviata la procedura del mandato europeo per poter procedere all’arresto di Di Marzio", che poi è stato effettuato il 19 luglio.

"Avevo proposto a Di Marzio di costituirsi per ridurre i tempi. E’ una procedura irregolare. Siamo in una situazione grottesca", ribadisce Terrel. "Insieme alla Procura – sottolinea ancora l’avvocato – abbiamo chiesto un complemento di informazioni data la carenza del dossier inviato dall’Italia e anche ulteriori informazioni legate alla vicenda della prescrizione che non è completa: manca la decisione, il testo di legge. E’ incredibile. Sembra veramente una caricatura".

Come per gli altri 9 ex terroristi italiani la Difesa, in particolare, sostiene che sia stato violato l’articolo 12 della convenzione europea di estradizione firmata a Parigi il 13 dicembre 1957 e che prevede in particolare l'originale o la copia autentica sia della sentenza di condanna esecutiva sia del mandato di cattura o di qualsiasi altro atto avente la stessa efficacia, rilasciato nelle forme prescritte dalla legge dalla parte richiedente; una esposizione dei fatti per i quali l’estradizione viene richiesta; il tempo e il luogo della loro consumazione; la loro qualificazione giuridica e i riferimenti alle disposizioni di legge loro applicabili da indicare con la massima esattezza possibile; una copia delle disposizioni di legge applicabili o, nel caso che ciò non fosse possibile, una dichiarazione sulle norme applicabili, nonché i dati segnaletici più esatti e qualsiasi altra informazione atta a determinare le sue identità e nazionalità.

Di Marzio, 61 anni, origini molisane, era attivo nella colonna romana delle Br. Era stato fermato già nell’agosto del 1994 in Francia, sempre su richiesta dell'Italia, e l'anno dopo, la Corte d'appello espresse parere favorevole all'estradizione ma il decreto governativo non fu mai firmato in virtù della Dottrina Mitterrand. Il suo nome è legato in particolare all'attentato al dirigente dell'Ufficio provinciale del collocamento di Roma, Enzo Retrosi, nel 1981, e al tentato rapimento del prefetto Nicola Simone, all'epoca vicecapo della Digos nella Capitale.

Lo scorso 29 settembre la Corte ha rigettato la questione di legittimità costituzionale avanzata dalle difese e deciso di rinviare al 12 gennaio prossimo l'udienza per altri 7 ex terroristi italiani (l'ex militante dei Proletari armati Luca Bergamin, l'ex Br Giovanni Alimonti, l'ex militante di Autonomia Operaia Raffaele Ventura, le ex militanti delle Brigate Rosse Roberta Cappelli e Marina Petrella, l'ex membro dell'organizzazione dei Nuclei armati contropotere territoriale Narciso Manenti e l’ex brigatista Enzo Calvitti).

La Corte ha chiesto all'Italia un ulteriore complemento di informazioni sulle domande di estradizione. La Corte ha dato tempo all'Italia fino al 5 dicembre per presentare il complemento di informazioni richiesto. Per Giorgio Pietrostefani, l'ex militante di Lotta Continua, che non sta bene ci sarà una udienza il 5 gennaio prossimo. Terrel è l'avvocata francese di sette dei dieci ex militanti fermati in Francia: Giorgio Pietrostefani, Roberta Cappelli, Marina Petrella, Narciso Manenti, Luca Bergamin, Giovanni Alimonti e Maurizio Di Marzio.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli