Terrorismo, per ex Br nuova udienza a Parigi 29/9 per questione costituzionalità

·2 minuto per la lettura

La Corte di Appello di Parigi ha fissato anche questa volta per il 29 settembre la decisione sulle questioni preliminari di costituzionalità e sul supplemento di informazioni richieste dalle difese e dalla Procura. Dopo le udienze del 23 giugno, ieri si sono svolte le udienze degli altri tre ex terroristi italiani fermati in Francia a fine aprile: dell'ex militante dei Proletari armati per il Comunismo Luca Bergamin, dell'ex Br Giovanni Alimonti e dell'ex militante di Autonomia Operaia Raffaele Ventura. L’udienza per l'ex militante di Lotta Continua Giorgio Pietrostefani, che è attualmente ricoverato in ospedale per una grave malattia, è stata rinviata al 29 settembre.

Il 29 settembre, quindi, la Corte di Appello di Parigi, si pronuncerà sulle questioni preliminari di costituzionalità sollevate dagli avvocati degli ex terroristi italiani. La difesa, infatti, contesta in particolare lo status dell'avvocato che rappresenta lo stato italiano, William Julié, che può intervenire nel corso delle udienze ma che non prende parte alla procedura.

Oltre a Bergamin, Alimonti e Ventura si presenteranno quindi in aula, come deciso il 23 giugno scorso, l’ex militante delle Brigate Rosse, Roberta Cappelli, l'ex brigatista Marina Petrella, l'ex membro dell'organizzazione dei Nuclei armati contropotere territoriale Narciso Manenti, l'ex militante delle Br Sergio Tornaghi e l’ex brigatista Enzo Calvitti.

Come nel corso dell’udienza del 23 giugno, spiega all’Adnkronos, Irene Terrel, l'avvocata francese di sei dei nove ex terroristi fermati in Francia a fine aprile, “sia da parte della Procura che della difesa è stata stigmatizzata la carenza dei dossier italiani e anche questa volta abbiamo chiesto un supplemento di informazioni dato la carenza dei dossier”.

Per quanto riguarda il dossier Bergamin, 73 anni, Terrel che ha fatto presente alla Corte di Appello l'irricevibilità della domanda di estradizione dopo che la Corte d'Assise di Milano l'11 maggio ha dichiarato l'estinzione della pena per prescrizione (si trattava dei 16 anni e 11 mesi che l'ex Pac avrebbe dovuto espiare per l'omicidio Santoro e altri reati) si dice particolarmente “scioccata” dalla decisione del Tribunale di Sorveglianza di Milano che il 16 giugno ha confermato la 'delinquenza abituale' di Luigi Bergamin, respingendo il ricorso del suo avvocato italiano, Giovanni Ceola. “Quello di Bergamin è un dossier particolarmente scioccante. Non è normale che uno Stato si rifiuti di applicare la propria legislazione. Negli ultimi 40 anni Bergamin non ha commesso più alcun reato e quindi non si può parlare di ‘delinquenza abituale’”.

Per quanto riguarda Pietrostefani, 77 anni, “è chiaro che con un ricovero che si prolunga dopo una difficile operazione questa vicenda non fa che intaccare la sua serenità”, sottolinea ancora Terrel. “E’ una persona fragile e per lui si parla di una vicenda vecchia 50 anni”, aggiunge.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli