Terza dose dopo 3 mesi in Francia e Germania. In Italia dopo 4 mesi

·1 minuto per la lettura
Members of the public receive a dose of a Covid-19 vaccine at a temporary vaccination centre set up in the Titanic Exhibition Centre in Belfast on December 21, 2021, after it opened as part of the accelerated roll-out of Covid-19 booster jabs. - The UK government is currently rolling out a mass Covid-19  booster vaccine drive in order to vaccinate as many people as possible before the end of the year. (Photo by Paul Faith / AFP) (Photo by PAUL FAITH/AFP via Getty Images) (Photo: PAUL FAITH via Getty Images)
Members of the public receive a dose of a Covid-19 vaccine at a temporary vaccination centre set up in the Titanic Exhibition Centre in Belfast on December 21, 2021, after it opened as part of the accelerated roll-out of Covid-19 booster jabs. - The UK government is currently rolling out a mass Covid-19 booster vaccine drive in order to vaccinate as many people as possible before the end of the year. (Photo by Paul Faith / AFP) (Photo by PAUL FAITH/AFP via Getty Images) (Photo: PAUL FAITH via Getty Images)

L’Authority sulla Salute francese ha dato il via libera alla somministrazione della terza dose dopo tre mesi dalla seconda. Una decisione che arriva all’indomani del record assoluto di contagi da inizio della pandemia: le infezioni da covid hanno superato i 90mila nuovi casi in 24 ore sotto l’effetto della quinta ondata e della diffusione della variante omicron. Negli ultimi sette giorni, la media è stata di 61.274 casi. Il precedente record assoluto di 86.852 casi risaliva all’inizio di novembre 2020, al culmine della seconda ondata pandemica.

La decisione della Francia è analoga a quella presa dalla Germania. La Commissione tedesca sui vaccini (Stiko) ha raccomandato di somministrare la terza dose del vaccino contro il coronavirus a tre mesi dalla seconda, invece dei precedenti sei. In Germania la variante Omicron del Covid-19 è stata registrata in tutti i laender, ma la maggior parte dei contagi è ancora causata dalla Delta, spiega l’Istituto “Robert Koch” di Berlino. Rispettare le norme anticontagio e
farsi vaccinare contro il virus, ha sottolineato il presidente della Repubblica tedesca Frank-Walter Steinmeier in un appello all’unità, “dipende da noi, da ciascuno di noi!”.

In Italia ora è ufficiale: il richiamo della dose booster si farà a 4 mesi. La circolare del Ministero della Salute sancisce il passaggio dei tempi di intervallo dagli attuali 5 a 4 mesi. La data di ‘start’ sarà decisa dal Commissario Figliuolo. “Sulla base delle esigenze organizzative della campagna vaccinale - si legge nella circolare - inidicherà la data di effettiva attuazione del nuovo intervallo temporale previsto”.

Questo articolo è originariamente apparso su L'HuffPost ed è stato aggiornato.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli