Terza dose, Sileri: "Si alla corsia preferenziale per i docenti"

·2 minuto per la lettura

Aprire al personale scolastico “una corsia preferenziale per ricevere la terza dose”. Così il sottosegretario alla Salute Pier Paolo Sileri, in una intervista al Corriere della Sera. “È stato fatto per i sanitari e come loro docenti e operatori delle scuole lavorano in ambienti a rischio, a contatto con i giovani che sotto i 12 anni non sono immunizzati in quanto non è ancora disponibile il vaccino per la loro età”. Quindi, spiega Sileri, aggiungerebbe i dipendenti della scuola fra le categorie ad alta priorità “sempre rispettando però i sei mesi che devono intercorrere tra la seconda e la terza dose. Non c'è evidenza scientifica che sia necessario anticipare. Teniamo conto che gran parte del personale ha completato il ciclo in estate (il 90% con AstraZeneca) quindi c'è ancora un po' di tempo. Una decisione non è stata presa, se ne sta discutendo”.

Sul rialzo dei casi, Sileri spiega che “era previsto e le manifestazioni no vax di Trieste, dove si è avuta un'impennata di ricoveri, non hanno giovato. Sapevamo inoltre che i giovani under 20, che assorbono il 23% dei nuovi contagi, avrebbero rappresentato un margine di rischio. Oltre a prendere il virus lo portano a casa. Speriamo di avere al più presto il vaccino per questa fascia d'età che è stato appena sdoganato dalla FdA americana e non ancora dall'agenzia europea Ema. Ma è un andamento neppure lontanamente paragonabile a quello del Regno Unito”. Secondo Sileri, “vivremo un Natale libero. I casi continueranno a crescere ancora un po'. Grazie alla carta verde non subiremo restrizioni”.

Per quanto riguarda l’abolizione del passaporto verde il sottosegretario lo esclude “è prematuro parlare di un alleggerimento o addirittura dell'abolizione del green pass. Per almeno tre ragioni: i casi sono in aumento. L'indice di trasmissibilità basato sui casi sintomatici è in aumento e quello basato sui ricoveri ospedalieri ha superato la soglia epidemica; gli over 50 completamente scoperti, senza neppure una dose sono 2 milioni 731 mila circa e non sono ottimista sul fatto di poterli recuperare, nonostante le campagne di sensibilizzazione. L'unica risorsa sono i medici di famiglia e la persuasione porta a porta”. E poi “è in corso la somministrazione delle terze dosi, appena cominciata. I richiami cosiddetti booster, a operatori sanitari e over 60 per intenderci, sono 1 milione e 305 mila circa. Quelle addizionali, a immunodepressi e fragili, 262 mila”.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli