Terza dose vaccino Moderna, esperti Fda non si esprimono: ecco perché

·1 minuto per la lettura

Gli esperti della Food and Drug Administration (Fda) non hanno preso una posizione chiara sull'opportunità o meno che l'agenzia regolatoria Usa autorizzi una dose booster del vaccino anti-Covid sviluppato da Moderna. E' quanto emerge da un report pubblicato in vista di una riunione di 2 giorni convocata dalla Fda sui richiami dei vaccini Moderna e Johnson & Johnson, e di hanno dato notizia i media americani.

Secondo gli esperti, i dati non dimostrano la necessità di somministrare una terza dose di vaccino Moderna, booster per il quale l'azienda ha chiesto il via libera a un dosaggio dimezzato, da somministrare almeno 6 mesi dopo la conclusione del ciclo di immunizzazione primario.

"Alcuni studi sull'efficacia nel mondo reale hanno suggerito una diminuzione dell'efficacia del vaccino Moderna contro il Covid-19 nel tempo contro l'infezione sintomatica o contro la variante Delta, mentre altri no", hanno scritto gli esperti dell'Fda.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli