Terzo settore, Lombardia approva 114 progetti per 3,5 mln di euro

Red-Asa

Milano, 10 ott. (askanews) - Regione Lombardia ha concluso l'iter di valutazione dei progetti relativi al Bando di sostegno alle organizzazioni e associazioni del Terzo settore, che comprendono le organizzazioni di volontariato e le associazioni di promozione sociale. Quest'anno sono stati presentati 156 progetti, con un incremento del 31 per cento rispetto allo scorso anno; 154 progetti sono stati esaminati da parte del Nucleo di valutazione, 2 sono stati esclusi per carenza documentale. Al termine della valutazione 114 risultano essere i progetti ammessi e finanziati interamente. A Milano e provincia, in particolare, sono stati presentati 56 progetti, ne sono stati approvati 41 e destinate risorse pari 1.368.684 euro. Le risorse destinate ai progetti ammontano complessivamente a 3.511.440 euro; la somma finanzia interamente i 114 progetti che dovranno essere conclusi entro il 30 settembre 2020.

"Sono molto soddisfatto della partecipata adesione al bando regionale da parte delle associazioni che, insieme alle Istituzioni, contribuiscono a migliorare il benessere complessivo delle comunità lombarde - ha commentato l'assessore regionale alle Politiche sociali, abitative e disabilità Stefano Bolognini -. La capacità di costruire reti attorno a bisogni territoriali, l'attenzione al coinvolgimento delle giovani generazioni nell'attività di volontariato e nella vita associativa e la tendenza a farsi carico di bisogni inediti, costruendo risposte flessibili e centrate sulla relazione diretta con la persona, sono gli obiettivi su cui i progetti troveranno realizzazione".

I 114 progetti finanziati si distribuiscono nelle seguenti tipologie: 66 a carattere locale, presentati da una rete di almeno 2 enti, finalizzati a obiettivi centrati su esigenze della realta' locale; 45 a carattere territoriale, realizzati da almeno 4 partner su un territorio più ampio corrispondente a diversi ambiti territoriali; 3 a carattere regionale, con reti strutturate di almeno 10 enti partner effettivi con obiettivi di sviluppo dei singoli attori del terzo settore. "Il valore aggiunto di questo bando - ha detto Bolognini - è la ricchezza dei progetti presentati, le cui azioni si rivolgono, ad esempio, a percorsi di formazione di volontari, alla realizzazione di progetti accessibili e inclusivi, alla disabilità e alla violenza di genere, al bullismo, all'animazione sociale, allo spreco e povertà alimentare, alla costruzione di legami sociali, alla valorizzazione di pratiche inclusive e al sostegno del ruolo dei caregivers".