Tesla deve pagare 130 milioni di dollari a un dipendente che l'ha accusata di razzismo

·1 minuto per la lettura

AGI - Una giuria federale ha ordinato a Tesla di pagare un risarcimento di più di 130 milioni di dollari a un ex dipendente afroamericano vittima di razzismo sul luogo di lavoro. Lo riferisce il Wall Street Journal. La giuria ha stabilito che la società non ha adottato misure ragionevoli per impedire molestie a sfondo razziale nei confronti di Owen Diaz, un dipendente a contratto presso la fabbrica a Fremont nel 2015 e nel 2016.

In un messaggio ai dipendenti pubblicato sul suo sito Web, Tesla ha rilevato che secondo quanto emerso il dipendente è stato vittima di insulti razzisti e graffiti a sfondo razziale sono stati trovati nei bagni. Episodi che Diaz ha denunciato almeno tre volte

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli