Tesla, Elon Musk spiega perchè la Gigafactory 4 sarà a Berlino

redazione@motor1.com (Gianmarco Gori)
Elon Musk e la Tesla Roadster

Sarà lontana dal territorio dei colossi tedeschi dell’automotive e permetterà al Brand di aumentare la produttività annuale

L'espasione di Tesla prosegue, nel 2021 aprirà la quarta Gigafactory del Brand (qui ricordiamo tutte le altre) e non sarà in Inghilterra. Le prime indiscrezioni, infatti, la localizzavano sull’isola anglosassone ma, a causa della Brexit, Elon Musk ha cambiato idea.

E’ quindi la Germania il territorio prescelto, più precisamente il Nord, vicino Berlino. Non è un luogo scelto a caso. E’ abbastanza vicino al mare e molto vicino al più grande aeroporto di tutta la nazione tedesca, appunto quello della Capitale. Interessante è che sempre in Germania, lo ricordiamo, Volkswagen ha aperto la sua Gigafactory con la Northvolt AB.

Batterie e Model Y

Nella nuova Megafabbrica saranno prodotte non solo le auto della Casa americana, come la futura Model Y, ma anche le batterie. L’impianto collaborerà con quello di Tilburg, nei Paesi Bassi, dove attualmente vengono finite di assemblare le auto che arrivano dagli Stati Uniti.

Oggi infatti le Tesla giungono solamente pre assemblate in Europa e completano la dotazione interna e le ultime rifiniture in Olanda prima di essere consegnate al cliente ultimo. Con la produzione delle batterie, la nuova Gigafactory consentirà un notevole risparmio di peso nel trasporto delle auto dal Nuovo al Vecchio Continente, a tutto vantaggio di prezzi ed ecologia.

 

Design e progettazione

Musk ha annunciato, anche, che molto presto vicino alla prossima Gigafactory di Berlino, nascerà un centro di Design e progettazione in cui testare tutte le nuove tecnologie proposte dal Brand per adattarle al meglio al mercato europeo.

La Gigafactory europea sarà la quarta fabbrica di produzione batterie del Marchio americano dopo quella di Reno in Nevada, quella di Buffalo nello stato di New York e quella di Shanghai in Cina.

A proposito di Tesla