Thailandia, giudice denuncia pressioni e si spara in tribunale

Mos

Roma, 5 ott. (askanews) - Un giudice tailandese ha tentato il suicidio in tribunale, sparandosi in petto. Come motivazione del suo gesto, ha scritto sui social network di aver subito pressioni in un caso su cui doveva emettere sentenza e, quindi, di non poter rispettare il suo giuramento com magistrato.

Khanakorn Pianchana, secondo quanto racconta il Guardian, ha usato una pistiola per spararsi nel tribunale della città di Yala, nel sud della Thailandia. Il Bangkok Post sostiene che le sue condizioni non lo pongono a rischio della vita.(Segue)