Thales Alenia Space: contratto con Euspa per nuova versione Egnos

Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 22 giu. (askanews) - Thales Alenia Space, joint venture tra Thales (67%) e Leonardo (33%), ha siglato un nuovo contratto con l'Agenzia dell'Unione Europea per il programma spaziale (EUSPA) per sviluppare, qualificare e dispiegare in orbita la nuova versione di EGNOS (European Geostationary Navigation Overlay System). Thales Alenia Space - informa una nota - ha inoltre appena raggiunto un nuovo traguardo nel programma Galileo con l'integrazione di un nuovo satellite nel segmento di terra (GMS) di Galileo che migliorerà il servizio di posizionamento per 3,3 miliardi di utenti.

Il sistema EGNOS migliora la precisione, l'affidabilità e l'integrità del posizionamento potenziando le prestazioni dei sistemi globali di navigazione satellitare (GNSS) come il GPS e, in futuro, Galileo. Il principale servizio fornito da EGNOS oggi è il supporto alle operazioni dell'aviazione civile per specifici approcci GNSS. Il servizio EGNOS Safety of Life, lanciato nel 2011, ha reso finora il settore dell'aviazione più sicuro ed efficiente per gli operatori europei. Oltre ad aumentare la sicurezza, ha reso gli aeroporti più accessibili e sta contribuendo a ridurre l'impronta ecologica dell'aviazione.

Thales Alenia Space fornirà a EUSPA e alla comunità di navigazione dell'UE una nuova versione di EGNOS (V243), le cui operazioni saranno garantite da una nuova tecnologia di stazioni di navigazione di Terra all'avanguardia sviluppata da Thales Alenia Space - NLES-G3. La NLES invierà il messaggio EGNOS contenente tutte le correzioni di accuratezza e integrità ai satelliti geostazionari per trasmetterlo agli utenti come gli operatori dell'aviazione. NLES-G3 di Thales Alenia Space sarà integrato con un nuovo satellite geostazionario "GEO3" che migliorerà il sistema EGNOS e le sue prestazioni end-to-end. La certificazione e la messa in servizio di quest'ultima versione sono previste per il 2024.

Thales Alenia Space, primo contraente per il Segmento di terra della missione Galileo di prima generazione, ha raggiunto una nuova milestone mentre la costellazione di Galileo è nella fasi finali che precedono il suo completamento con il lancio del satellite GSAT0223 che ha portato la costellazione operativa a 23 satelliti per il posizionamento e a 25 per la ricerca e il soccorso.

Questo nuovo satellite - informa TAS - è stato posizionato con successo in orbita e i suoi segnali di payload sono stati inseriti nella catena operativa del Segmento di terra (GMS) di Galileo. Il GMS sta generando le effemeridi satellitari più accurate al mondo, che consentono di raggiungere una precisione decametrica. Con l'entrata in servizio di questo satellite, il GMS servirà ora oltre 3,3 miliardi di utenti Galileo che beneficeranno di un servizio di posizionamento e sincronizzazione migliorato.

"Questo nuovo traguardo nel Programma Galileo dimostra che Thales Alenia Space sta completando con successo il segmento di terra che migliorerà la posizione di Galileo con l'integrazione di un nuovo satellite. Siamo inoltre lieti di essere stati scelti per sviluppare questa nuova versione di EGNOS e per introdurre una nuova generazione di stazioni di navigazione di Terra (NLES) - ha dichiarato Benoit Broudy, Vicepresidente del settore Navigazione di Thales Alenia Space - In Thales Alenia Space ci stiamo preparando per il futuro e siamo impegnati a offrire innovazioni e a sviluppare costantemente nuove soluzioni per i nostri clienti di sistemi satellitari di incremento della precisione (SBAS) e per gli utenti di Galileo in tutto il mondo".

EGNOS, programma di punta dell'Unione Europea, è il sistema europeo di navigazione satellitare. Migliora i messaggi di posizionamento del GPS (Global Positioning System) e presto migliorerà quelli di Galileo. Il sistema EGNOS attuale è stato sviluppato da Thales Alenia Space in qualità di prime contractor ed è stato introdotto per la prima volta nel 2005 e reso operativo dal 2009. EGNOS è gestito dall'EUSPA.

Galileo è il sistema globale di navigazione satellitare (GNSS) europeo. In funzione dal 15 dicembre 2016, i servizi iniziali di Galileo erano completamente interoperabili con il GPS, offrendo agli utenti una gamma più ampia di prestazioni e livelli di servizio, oltre a un posizionamento molto più preciso. In base al feedback iniziale degli utenti europei, la navigazione è stata notevolmente migliorata così come la geolocalizzazione. Mentre altri sistemi di navigazione satellitare sono gestiti dalle forze armate negli Stati Uniti (GPS), in Russia (GLONASS) e in Cina (Beidou), Galileo rimane sotto il controllo civile, l'unico sistema GNSS di questo tipo.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli