Thaliandia domenica alle urne, ma vittoria militari sembra scontata

Fth

Roma, 22 mar. (askanews) - La Thailandia si sta preparando per le sue prime elezioni generali da quando nel 2014, i militari con un colpo di stato introdussero una riforma costituzionale studiata per penalizzare i partiti politici e assicurare invece il potere all'esercito. Pochi si aspettano che il voto risolva le divisioni che hanno afflitto il paese per due decenni: da una parte i cosidetti 'populisti' e dall'altra l'elite militare.

Domenica, 24 marzo, quasi 52 milioni di cittadini aventi diritto sono chiamati a recarsi alle urne. A contendersi i voti, ci sono quasi 80 partiti e oltre 2.700 candidati. Circa sette milioni di persone voteranno per la prima volta. I grandi partiti sono il Palang Pracharat, vicino all'esercito, e gli anti-militari Pheu Thai e Fut

"Non penso che queste elezioni porteranno la Thailandia a una democrazia liberale perché la costituzione consente ai militari di continuare a detenere il potere", ha detto alla tv satellitare al Jazeera Titipol Phakdeewanich, docente universitario che tuttavia ritiene sia ancora importante per i tailandesi votare: "E' un referendum sulla democrazia e se questo paese vuole andare avanti con la democrazia o no", ha aggiunto.

Per ottenere il potere, un partito deve assicurarsi la maggioranza in entrambe le Camere del parlamento. Nella camera bassa, 350 membri saranno eletti direttamente, con i rimanenti 150 assegnati proporzionalmente ai voti dei singoli partiti. La camera alta, che conta 250 posti, sarà nominata interamente dalle forze armate. E questo significa che il partito pro-militare Phalang Pracharat, per assicurarsi la maggioranza, ha bisogno solo di 126 seggi. Di contro, gli anti-militari, per poter governare sono costretti ad aggiudicarsi una schiacciante vittoria con il 75% delle preferenze.

La Thailandia ha lottato per superare le divisioni politiche radicate dal 2001, quando il magnate delle telecomunicazioni Thaksin Shinawatra si è messo al potere promettendo di aiutare i poveri rurali. L'ascesa di Thaksin aveva galvanizzato i ceti poveri a lungo trascurati, ma ha anche dato il via all'onda d'urto della vecchia guardia incentrata sull'élite di Bangkok che aveva dominato a lungo la politica del paese.

Anche dopo che Thaksin e la sorella, Yingluck Shinawatra, sono finiti i esilio per degli scandali di corruzione, i partiti in linea con la famiglia hanno vinto tutte le elezioni svolte negli ultimi due decenni.