The Economist su Draghi: "Non fa miracoli, rischio delusione"

·Contributor
·1 minuto per la lettura
16/04/2021 Roma. Conferenza stampa del presidente del Consiglio. Nella foto Mario Draghi (Photo: Livio AnticoliPool / AGF)
16/04/2021 Roma. Conferenza stampa del presidente del Consiglio. Nella foto Mario Draghi (Photo: Livio AnticoliPool / AGF)

Le altissime aspettative dell’Italia e dell’Europa su Mario Draghi sono “comprensibili” ma vanno “moderate” perché un conto è dirigere una Banca centrale, altro è guidare un Paese. Lo sostiene il settimanale The Economist in un commento intitolato ‘La delusione Draghi’.

“La politica italiana”, si legge nell’articolo, “ha il complesso del salvatore che nel tempo ha assunto forme diverse. Nell’era moderna ha assunto le sembianze prima di Silvio Berlusconi, un cantante da crociere diventato magnate dei media, poi di Matteo Renzi, un giovane riformista che ha promesso più di quanto ha mantenuto e poi è imploso. Ora la salvezza si è presentata nella forma di Mario Draghi, che un politico italiano ha paragonato a Gesù Cristo”.

Con l’ex governatore della Banca centrale europea, sostiene l’Economist, il complesso del salvatore da italiano ”è diventato europeo”. E per quanto le “grandi aspettative su super Mario siano comprensibili, vanno moderate. Perché guidare una banca centrale, se pure una con forti implicazioni politiche come la Bce, non è come guidare un Paese. La Bce ha sempre avuto i poteri necessari per combattere una crisi”.

Con Draghi, si legge ancora nel commento, “l’Italia ha una voce più forte in Europa, ma non dovrebbe servire un miracolo per questo. L’Italia è un membro fondatore dell’Ue, terzo Paese più popoloso e la terza economia. Ma prima di Draghi non sempre è stata trattata come meritava”. Questo perché, sostiene ancora l’Economist, era indebolita dalla “giostra di premier che si alternavano” e che spesso “non erano qualificati”. “Giuseppe Conte era un oscuro avvocato prima di salire alle più alte sfere della politica europea. Berlusconi - sostiene il settiman...

Questo articolo è originariamente apparso su L'HuffPost ed è stato aggiornato.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli