Due anni dopo #TheDress, la neuroscienza prova a spiegare la risposta "bianco e oro"

Era il 25 febbraio del 2015 quando la scozzese Caitlin McNeill aveva postato l’immagine di un abito su Tumblr, senza pensare che sarebbe stata condivisa globalmente tramite una domanda totalmente inaspettata. La domanda era: di che colore è questo vestito? Nacque così il tormentone #TheDress.

#TheDress

Se è vero che la maggioranza delle persone aveva scelto di rispondere “blu e nero”, molte invece avevano stupito rispondendo “bianco e oro”. Una diversa percezione dei colori dovuta all’illuminazione che credevano fosse stata indirizzata sul vestito. In una foto successiva fu chiarito che il vestito era chiaramente blu e nero, ma ciò non fermò le analisi di alcuni neuroscienziati che avevano visto nella viralità di questa domanda un possibile campo di studio.

#TheDress

L’insegnante di psicologia e neuroscienza Pascal Wallisch, che lavora alla New York University, ha spiegato che la diversa percezione è provocata dalle ombre: “a dipendenza di come pensiamo sia illuminata la foto decidiamo quale colore assegnare”. In un sondaggio, tra le persone convinte che il vestito fosse in ombra l’80% aveva risposto “bianco e oro”. Mentre tra chi non vedeva ombre, pensando che il vestito fosse illuminato dall’alto, la grande maggioranza era per il colore “blu e nero”.

Il sondaggio ha coinvolto 13 mila persone, con 21 domande ciascuna. Grazie alle risposte è stato scoperto anche che la visione cambia a seconda del nostro modo di vivere. I “gufi“, quelli che tirano tardi la sera, vedevano l’abito in blu e nero perché condizionati dall’abitudine a vedere luci artificiali, mentre le “allodole“, più mattiniere, andavano sulla risposta opposta. Wallisch ha spiegato che se si sottrae il blu (il colore naturale del giorno) dal grigio, si ottiene il giallo: ciò spiega il fatto che le persone che si comportano da allodole vedevano bianco e oro (colori dunque più chiari).

Età e sesso dei partecipanti non sono stati tra i dati che hanno avuto impatto sulla statistica, mentre per quanto riguarda le domande sulla personalità sono ancora in corso approfondimenti. Solo in un caso, relativo ai 65enni, la stragrande maggioranza ha avuto una risposta univoca: blu e nero.

Usando Yahoo accetti che Yahoo e i suoi partners utilizzino cookies per fini di personalizzazione e altre finalità