Theresa May: “no alle linee-guida dell’Unione Europea”

Theresa May mette l’elmetto. In un’intervista alla BBC la premier respinge alcune delle principali richieste Ue sulla Brexit, definendole soltanto posizioni negoziali dei 27, poche ore dopo l’approvazione all’unanimità delle-linee guida per la trattativa dell’uscita del Regno Unito dall’Unione.

La May è stata attivissima a un mese dalle politiche per far sapere ai suoi concittadini che difenderà a spada tratta gli interessi nazionali nei negoziati, anche se restano domande sui confini, sul conto da pagare e sulla sorte dei cittadini europei nel Regno Unito.

Così la May: “Si tratta delle elezioni più importanti della mia vita. Quando la gente ne sente parlare pensa agli interessi nazionali. Abbiamo già visto nei commenti da Bruxelles che questi negoziati saranno duri”.

Per negoziare la May chiede dunque un chiaro mandato elettorale che permetta una guida forte e stabile del Paese per potere chiedere, pretendere e ottenere un libero mercato senza dazi con un Regno Unito fuori dall’Unione. La sfida è solo rimandata.

Usando Yahoo accetti che Yahoo e i suoi partners utilizzino cookies per fini di personalizzazione e altre finalità