Thomas Markle: "A Harry ho fatto promettere di non alzare le mani su mia figlia. Con lui parlo spesso di politica"

Huffington Post

La riservatezza di Meghan e Harry ancora una volta viene minacciata dal padre di lei. Thomas Markle ha rilasciato la prima intervista dopo le nozze reali, rivelando alcuni dettagli personali sulla coppia. Markle ha infatti dichiarato di aver spesso parlato di politica con il genero, che si è detto "aperto alla Brexit" e secondo il quale "al presidente Trump deve essere data una chance". La coppia, racconta, sta già provando ad avere un figlio: "Sono in lavorazione, molto presto arriverà un bambino".

Il 73enne si è inoltre detto molto rammaricato per non aver accompagnato Meghan all'altare il 19 maggio e ha ringraziato il principe Carlo per averlo sostituito. Anche lui ha seguito il royal wedding in televisione, e si è commosso osservando la "bellissima" figlia pronunciare il "sì" al castello di Windsor.




I suoi problemi di salute sono emersi dopo la circolazione della notizia che aveva pagato dei fotografi per riabilitare la sua immagine, prima di prender parte alle nozze. Qualcuno ha insinuato dunque che l'operazione al cuore fosse solo una scusa per non partecipare all'evento e non mettere ulteriormente in imbarazzo Meghan nel suo giorno più importante.

Markle fa mea culpa e dice di aver ricevuto il perdono della coppia: "È stato un grave errore, me ne sono reso conto. Sono stati entrambi molto clementi". Con Harry non ha tuttavia mai parlato dal vivo, il principe gli ha chiesto la mano della figlia per telefono: "Gli ho detto di esser un gentiluomo e di non alzare mai le mani contro di lei, così gli avrei concesso il mio permesso". Presto ci sarà un incontro con i neosposi e la famiglia reale, inclusa la Regina.

Continua a leggere su HuffPost