Ti salta il viaggio all’ultimo? Ecco come non rimetterci il costo dell’hotel

La rete aiuta chi è costretto a disfarsi di un soggiorno già prenotato (Getty)

Prenotare l’hotel alla migliore tariffa spesso significa scegliere quella senza la possibilità di cancellazione. E se poi salta il viaggio, si smenano i soldi. Fortunatamente da qualche anno la rete aiuta chi è costretto a disfarsi di un soggiorno già prenotato, consentendogli di rivenderlo.

Come funziona

Il meccanismo in realtà favorisce anche chi è alla ricerca del risparmio: le camere vengono rimesse sul mercato a un prezzo minore rispetto a quello attuale di vendita. Chi deve rinunciare al viaggio, quindi, perde qualcosa ma non l’intera somma. E chi compra, paga meno. E così contenti tutti. I due siti su cui comprare il viaggio scontato sono Roomer e CancelOn.

La ricerca su Roomer

Il sito nasce da una startup di Tel Aviv nel 2011, mostra gli hotel in offerta su una mappa, dopo aver proposto di attivare il confronto delle tariffe con i vari servizi di booking, in modo da verificare il risparmio. Basta cliccare su un hotel per conoscere la disponibilità che è sempre vincolata a un periodo preciso, visto che si tratta pur sempre della prenotazione di qualcun altro. Per disfarsi di un viaggio, invece, occorre iscriversi al sito. La vendita avviene in tre passi: dopo che Roomer ha verificato la prenotazione con l’hotel, l’annuncio viene pubblicato e se si trova un acquirente si riceve il pagamento via Paypal. Si perderà circa il 30 per cento della cifra spesa. Funziona anche in Italia, ma tra le lingue proposte non c’è l’italiano. Una pecca.

Il competitor: CancelOn

Il funzionamento è simile. Chi vuole vendere il soggiorno acquistato, dovrà pagare il 10 per cento di provvigioni al sito, contro il 15 per cento di Roomer. Condividere la prenotazione sui social aumenta la possibilità di trovare un acquirente. Non è disponibile una app, ma tra le lingue del sito compare anche l’italiano.