Tiani (Siap): "Eliminazione tetto stipendiale dirigenti pubblici scelta sbagliata"

·1 minuto per la lettura

"Apprendiamo con sorpresa ed irritazione che il tetto di 240mila euro per gli stipendi dei dirigenti della pubblica amministrazione, definito nel 2014 e confermato da una sentenza della Corte Costituzionale nel 2017, potrà essere rivisto al rialzo a partire dal 2022 in virtù di una norma inserita dal governo nella legge di bilancio, già votata al Senato, che nelle prossime ore verrà approvata in maniera definitiva alla Camera”. Lo afferma Giuseppe Tiani, segretario generale del Siap (Sindacato Italiano Appartenenti Polizia).

"Una scelta che giudichiamo sbagliata nel metodo, perché anziché aprire una discussione chiara e trasparente sulla materia il governo ha deciso di operare un vero e proprio blitz, e nel merito considerato che ben altra misura di ragionevolezza viene applicata nei rinnovi contrattuali di personale fondamentale quale quello del Comparto Sicurezza e della scuola a cui non viene riconosciuta concretamente la specificità delle funzioni. Duole dover constatare come ancora una volta ragionevolezza, concretezza e senso del dovere vengano richiesti unicamente a chi già paga sulla propria pelle da anni una crisi senza fine” conclude Siani.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli