Tiepide convergenze climatiche, per tener dentro la Cina

·6 minuto per la lettura
Italy's Prime Minister, Mario Draghi leaves after addressing a press conference at the end of the G20 of World Leaders Summit on October 31, 2021 at the convention center
Italy's Prime Minister, Mario Draghi leaves after addressing a press conference at the end of the G20 of World Leaders Summit on October 31, 2021 at the convention center

“La cosa che l’Italia ha fatto in questi due giorni è stato capire il punto di vista degli altri. I paesi in via di sviluppo ci dicono: ‘Voi avete inquinato un sacco perciò siamo in questo caos. Quando voi inquinavate, noi emettevamo zero emissioni perché eravamo poveri. Ora non potete puntare il dito contro di noi’. Ecco, se si entra in questo clima di lotta, non andiamo da nessuna parte: dobbiamo ascoltare e mantenere l’ambizione, condividerla con loro. Questo è il ruolo che dobbiamo dare”. Al termine di un intenso G20 a Roma, Mario Draghi cerca il bicchiere mezzo pieno quando dice che “teniamo vivi i nostri sogni”.

Il presidente di turno di questo club delle maggiori economie del pianeta, molto elogiato dai partner occidentali, difende l’accordo sul clima, anche se di fatto il testo finale cancella la data del 2050 per la neutralità climatica, sostituendola con un più vago “entro o intorno alla metà del secolo” e trasferendo tutti i nodi irrisolti della trattativa globale alla Cop26 che domani entra nel vivo a Glasgow. “Gradualmente si arriverà al 2050”, confida il premier, determinato a sottolineare i passi compiuti, il fatto che ora anche Russia, Cina e India “riconoscono la validità scientifica di tenere il riscaldamento globale entro il grado e mezzo di aumento”, “prima volta che accade in un G20”. E poi il fatto il vertice di Roma sia riuscito a dire stop ai finanziamenti internazionali per le centrali di carbone “per la fine del 2021” e a confermare la cifra di 100 miliardi di dollari annui da trasferire ai paesi poveri per aiutarli nella transizione. “L’Italia stanzia 1,4 miliardi di dollari ogni anno per 5 anni, il che fa circa 7 miliardi”, annuncia.

Ma soprattutto in questo G20, test di leadership internazionale per Draghi, il capo del governo fa slalom sulle tensioni tra oriente e occidente, cerca di tenere tutti a bordo della stessa barca multilaterale, anche se Vladimir Putin e Xi Jinping hanno disertato il summit, collegati online da Mosca e Pechino.

“Il multilateralismo - dice - si concilia con queste tensioni perché è l’unica cosa che si possa fare. Un vecchio articolo del New York Times diceva: ’Gli Usa e la Cina ’fight fight, talk talk”, cioè si combattono, ma parlano. “Siamo sempre riusciti a superare le tensioni, non vedo perché dovremmo ritenere di non riuscire a superarle oggi”.

In giornata, mentre gli sherpa dei G20 continuavano a trattare sul clima, mentre i leader ne parlavano nella loro plenaria senza tregua (niente pausa pranzo: hanno mangiato qualcosa al tavolo ovale mentre discutevano), tra OOriente e occidente è successo un po’ di tutto. Mentre il segretario di Stato Tony Blinken incontra il ministro degli Esteri cinese Wang Yi, Taiwan avverte dell’incursione di otto aerei militari cinesi. Gli Stati Uniti sono responsabili di “interferenze sconsiderate negli affari interni cinesi”, intima Wang a Blinken.

E che dire dello storico accordo tra Ue e Usa per la rimozione dei dazi su acciaio e alluminio, annunciato proprio qui a Roma in pompa magna da Ursula von der Leyen e Joe Biden? L’intesa chiude l’era Trump, ma rinsalda i rapporti transatlantici in nome di un nemico comune: la Cina. Perché l’accordo punta a escludere l’import di acciaio cinese sul mercato statunitense: troppo ‘sporco’ di carbonio, è la motivazione. Un dardo lanciato nelle relazioni già infuocate tra est e ovest.

Inoltre, per restare sul clima, se Draghi legge “il senso del comunicato finale” come “più vicino al traguardo del 2050” per le zero emissioni, Russia e Cina difendono a spada tratta il loro “2060”.

Ma il presidente dei G20 non getta benzina sul fuoco delle tensioni. Se si sente leader del multilateralismo? Glielo chiede una giornalista americana della Cnbc in conferenza stampa. Naturalmente la risposta è “no”, ma il suo obiettivo è questo, anche a costo di dire che il problema della Cina con le questioni ambientali non sta nel fatto che lì non hanno i Fridays for future, evidentemente non consentiti dal sistema. No, non c’è un problema di democrazia in Cina per Draghi, che però in sala, parlando ai leader, ha detto: “Saremo giudicati da quello che faremo. Vorrei ringraziare molti degli attivisti che ci spingono, ci mantengono tutti sul pezzo”, anche “quando dicono che sono stanchi di questi bla bla bla” o che “parliamo senza sostanza”.

“Pechino - dice in conferenza stampa - produce circa il 50 per cento dell’acciaio mondiale e molti impianti vanno a carbone. Convertire questi impianti e adattare la produzione di acciaio è una transizione difficile. Questo spiega la loro difficoltà: non è tanto la mancanza di pressione dell’opinione pubblica. Io penso che anche lì si lamentano dell’inquinamento, ce n’è evidenza diffusa”.

Uno slalom difficile tra i problemi del mondo attuale, globale e sempre più complesso. Una delle preoccupazioni, per esempio, è figlia diretta della pandemia, oltre che delle promesse mancate degli ultimi anni. “Dopo gli accordi di Parigi” nel 2015, dice Draghi - le emissioni nocive sono aumentate e dopo il covid sono saltate di nuovo a livelli pre-covid. C’è la preoccupazione che ora occorra dimostrare credibilità attuando le promesse fatte”. Ma il premier concorda con Biden sul fatto che il vertice di Roma è stato “un successo”, “siamo orgogliosi dei risultati, ma siamo solo all’inizio”, sottolinea. Ora “Cina e India sono più intenzionate” a collaborare, “non era scontato”.

La leva per ottenere quella che secondo Draghi è una maggiore disponibilità, sono i soldi promessi dai paesi ricchi per aiutare i poveri nella transizione, i 100 miliardi annui della ‘finanza climatica’ che alcuni paesi - tra cui Francia e Italia - vorrebbero far lievitare. “È ciò di cui hanno bisogno, è ciò che chiedono”, dice il premier. “Dalla Cina - aggiunge - mi attendevo un atteggiamento più rigido. Ora invece i cinesi hanno un linguaggio proiettato sul futuro rispetto a quello orientato al passato che hanno avuto finora”.

Dal G20 non esce un whatever it takes sul clima. Ora la speranza è che la Cop26 riesca a fare ciò che non è accaduto a Roma. Antonio Guterres si aspettava anche di peggio. “Lascio Roma senza che le mie speranze siano state soddisfatte. Ma queste, almeno, non sono state sepolte”, dice il segretario generale dell’Onu prima di partire per Glasgow dove lo attendono 12 giorni di trattative. Il testimone passa a Boris Johnson, che vede davanti a sé giornate “molto difficili” ed è ultimativo: “Non ci sono scuse per procrastinare, se fallisce Cop26, fallisce il pianeta”. “Auguro il successo alla Cop26 - dice Draghi - c’è il margine per progredire”, da Roma, insiste, arrivano “fondamenta più solide che prima non c’erano”. Deve aver convinto i giornalisti stranieri: alla fine della conferenza stampa scatta addirittura l’applauso.

Questo articolo è originariamente apparso su L'HuffPost ed è stato aggiornato.

Leggi anche...

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli