Tifoso della Vultur Rionero investito e ucciso, arrestate 26 persone

HuffPost
Tifoso investito nel Potentino

La Polizia ha arrestato un uomo di 39 anni, tifoso del Melfi, alla guida della Fiat Punto che ha investito il tifoso della Vultur Rionero, Fabio Tucciariello, morto a Vaglio di Basilicata (Potenza). Il 30enne è stato trasferito in carcere. Arrestati anche 25 tifosi della Vultur Rionero. 

Saranno tutti trasferiti nel carcere di Potenza. Le accuse sono di violenza privata e possesso di oggetti atti a offendere. Per Salvatore Laspagnoletta l’accusa è di omicidio volontario e lesioni aggravate.

L’ipotesi investigativa della Questura e della Procura è che il tutto sia nato da un’imboscata: i tifosi della Vultur avrebbero scelto di assaltare i tifosi del Melfi durante il tragitto verso Tolve, sbarrando la strada con i loro veicoli. Una strada che non è sul percorso per Brienza, la città dove era prevista la trasferta.  Le indagini della Polizia, cominciate subito dopo la morte di Tucciriello, hanno portato gli agenti a Brienza (Potenza), dove la Vultur Rionero era impegnata ieri pomeriggio.

″È stata violenza tribale, anche in considerazione delle armi sequestrate”, ha dichiarato in una conferenza stampa il Procuratore della Repubblica di Potenza, Francesco Curcio: “Una tribù voleva sfidarne un’altra. Tutto era stato preparato, c’è stata sicuramente pianificazione”. Durante la conferenza hanno mostrato le armi poste sotto sequestro: mazze, tirapugni, bastoni e tubi di ferro. Secondo il procuratore, i tifosi del Melfi non avevano intenzione di attaccare i supporter avversari, poiché “alcuni bambini erano a bordo delle auto dei supporter del Melfi. Questo ci fa capire che loro non avevano in mente atti di rappresaglia”, ha detto. 

Numerose persone sono state portate in questura e interrogate (le indagini sono state coordinate dall’inizio dal Procuratore della Repubblica vario di Potenza e dal pubblico ministero) e nella notte si è giunti agli arresti.

Alle 9 - informa una nota - è stata convocata una riunione del Comitato provinciale per...

Continua a leggere su HuffPost