Timbrava e andava via, arrestato il sindaco di Scalea

webinfo@adnkronos.com

Truffa aggravata ai danni dello Stato e falsa attestazione della presenza in servizio. Con queste accuse la Guardia di Finanza ha arrestato il sindaco di Scalea, Gennaro Licursi, posto ai domiciliari, e sospeso tre dipendenti dell'Azienda sanitaria provinciale di Cosenza nell'ambito di una operazione denominata 'Ghost Work'. Contestualmente, è stato eseguito un decreto di sequestro preventivo per equivalente.  

GUARDA ANCHE: Si assentavano durante ore lavoro, 48 indagati nel Catanese

Le indagini, protrattesi per alcuni mesi, hanno consentito di svelare "un radicato e consolidato meccanismo di illiceità" che ha consentito al sindaco, nella sua qualità di dipendente dell’Asp di Cosenza, con la complicità di tre suoi colleghi, di assentarsi senza alcuna giustificazione dal luogo di lavoro. Una volta timbrato il cartellino, infatti, lasciava l’ufficio e si dedicava allo svolgimento di attività personali; spesso attestava falsamente di essersi recato in missione per conto dell’ufficio, occupandosi, anche in questo caso, di questioni non attinenti al servizio. In tal caso, le indagini hanno permesso di accertare la complicità dei suoi colleghi che, dipendenti presso diverse sedi dell’Asp (Cosenza, Amantea, Scalea), attestavano che la missione si era svolta regolarmente.  

GUARDA ANCHE: Assenteismo in ospedale, 12 arresti in Puglia: anche medici

Le condotte criminose, accertate attraverso l’installazione di telecamere all’interno degli uffici, analisi dei tabulati telefonici e monitoraggio con sistema Gps, sono state ricostruite in maniera capillare, anche grazie ad un’accurata attività di pedinamento e sono state incrociate con i dati delle presenze giornaliere risultanti dalla macchina marcatempo. Il quadro che ne è emerso attesta oltre 650 ore di assenteismo nel periodo oggetto di indagini. 

GUARDA ANCHE: Timbravano e uscivano, 15 furbetti del cartellino nel palermitano