Tiziana Bruschi muore dopo 40 giorni di ricovero: era stata colpita da una pedana sul lavoro

·1 minuto per la lettura
Incidente sul lavoro a Scandicci
Incidente sul lavoro a Scandicci

Non ce l’ha fatta Tiziana Bruschi, la donna di 58 anni rimasta vittima di un incidente sul lavoro in un’azienda di Scandicci: dopo oltre un mese di ospedale, dove i medici hanno fatto il possibile per salvarla, il suo cuore ha smesso di battere.

Incidente sul lavoro a Scandicci: Tiziana muore a 58 anni

Il dramma era avvenuto il 2 settembre 2021 presso la Sistema srl, una ditta della zona artigianale del comune che si occupa di stampaggio di materie plastiche. Secondo le ricostruzioni effettuate dalle forze dell’ordine la donna era rimasta schiacciata da un bancale caduto da un’altezza di circa tre metri.

L’oggetto l’aveva travolta e, dopo gli iniziali soccorsi da parte dei sanitari del 118, Tiziana era stata ricoverata per 40 giorni nel reparto di neurochirurgia dell’ospedale di Careggi. Nonostante il tentativo dei medici di salvarla, la donna è deceduta martedì 10 ottobre. Il pubblico ministero Ornella Galeotti ha conferito l’incarico per l’autopsia sul suo corpo, che dopo gli esami verrà riconsegnato alla famiglia per i funerali.

Incidente sul lavoro a Scandicci: i fatti

Tiziana stava svolgendo la sua mansione presso l’azienda quando all’improvviso un lavoratore a bordo di un muletto avrebbe urtato una pedana issata su uno scaffale a circa 3 metri di altezza. Questa è caduta sulla donna procurandole ferite gravissime che l’avevano costretta al ricovero. Il titolare dell’azienda, già indagato per lesioni colpose gravissime, dovrà ora rispondere di omicidio colposo.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli