Toh che scandalo, le nostri carceri somigliano troppo a quelle dei regimi alla Pol Pot

·2 minuto per la lettura
Violenze nel carcere di Santa Maria Capua Vetere (Photo: Ansa)
Violenze nel carcere di Santa Maria Capua Vetere (Photo: Ansa)

E dopo i lunghi mesi dell’amnesia e della rimozione, quando tutto il Paese, e cioè la politica e la società, e in mezzo i media, accolsero l’invito di Matteo Salvini a gettare le chiavi, chiavi di ferro con cui chiudere a doppia mandata le porte delle carceri durante la pandemia, e lasciare che in dodici si sfidasse il contagio nello spazio di tre metri per quattro, con i letti a castello impilati fino al quarto piano, cosicché l’ultimo detenuto, quello che dormiva più in alto, non potesse alzare la testa senza sbatterla contro il soffitto, e chiavi simboliche, con le quali confinare dietro quelle sbarre tutto il male del mondo, per non vederlo più; dopo i lunghi mesi dell’amnesia e della rimozione, in cui pure moralisti patentati s’indignarono quando, per le rivolte e le proteste dei detenuti, e per gli appelli sgolati dei pochi capaci di vedere l’orrore, qualche cardiopatico, e qualche malato devastato dal cancro tornarono a casa ai domiciliari, seguiti da un coro di scandalo, innalzato dalle migliori penne del giustizialismo patrio, che addirittura costrinsero il direttore centrale del Dipartimento penitenziario a dimettersi; dopo i lunghi mesi dell’amnesia e della rimozione, in cui la direttrice del carcere di Reggio Calabria fu posta agli arresti con l’accusa di concorso esterno in associazione mafiosa, per aver riconosciuto ai detenuti trattamenti umanitari giudicati inopportuni dal gip, e le cronache indugiarono con accattivante simbologia sulle prelibatezze e sui favori garantiti ai boss, che altro non erano che una cioccolata fondente e un colloquio con i familiari; dopo i lunghi mesi dell’amnesia e della rimozione, in cui passava inosservata la condanna a sei mesi per atti osceni di un detenuto per un rapporto orale con la compagna nel parlatorio del carcere di Cremona, celato dietro alla borsa di lei ma ripreso dalle telecamere, perché nessuno sapeva che in Fra...

Questo articolo è originariamente apparso su L'HuffPost ed è stato aggiornato.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli