Tokyo, contagi Covid continuano a crescere: governo preoccupato

·2 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 3 ago. (askanews) - La Tokyo bifronte che, nello stesso tempo, ospita le Olimpiadi estive ed è in stato d'emergenza, anche oggi vengono segnalati 3.709 casi positivi rilevati nelle ultime 24 ore. 112 dei quali sono segnalati come gravi.

La scorsa settimana il governo giapponese ha prolungato fino al 31 agosto lo stato d'emergenza a Tokyo e l'ha esteso anche alle prefetture limitrofe Tokyo - Saitama, Chiba, Kanagawa - dove pure si svolgono eventi olimpici. Inoltre la seconda città del Giappone, Osaka, è stata anch'essa posta in stato d'emergenza.

Lo stato d'emergenza in Giappone non implica lockdown, ma la richiesta più o meno pressante da parte del governo di evitare di uscire se non quando inevitabile, alle attività che servono alcolici di chiudere alle 20 e alle azinede di spostare sullo smart working più personale possibile.

A giudicare dai mezzi pubblici e dalle strade in alcune delle aree più popolari della capitale - Shibuya, Shinjuku - il traffico di persone sembra più leggero del solito, ma non certo abbattuto. E ora il focus, dopo che Olimpiadi saranno finite si sposterà sulla festa del Bon, la principale festività dei giapponesi, che usano solitamente per tornare nei luoghi d'origine e andare a visitare i parenti.

"Sicuramente i contagi preoccupano, penso che mi vaccinerò quando ci sarà il vaccino giapponese", dice Mariko, una signora di mezza età in un centro commerciale, mentre è seduta a un tavolino e prende un caffè. Ma al momento non c'è un vaccino giapponese: Tokyo usa il Pfizer, e rischia di trovarsi a corto con l'accelerazione delle vaccinazione ora arrivate a circa un milione al giorno. Così il governo giapponese ha fatto recentemente un accordo di fornitura con Moderna e sta valutando la possibilità di acquisire dei vaccini AstraZeneca per fare delle vaccinazioni eterologhe.

Intanto però il numero dei ricoverati aumenta è il primo ministro Yoshihide Suga sembra particolarmente preoccupato, tanto da cambiare la strategia: d'ora in poi in ospedale ci andranno solo le persone in condizioni gravi. "Presi in considerazione l'andamento delle vaccinazioni e la situazione della pandemia, al fine di garantire a tutti cure adeguate, in questa improvvisa fiammate di contagi, abbiamo deciso di modificare la nostra politica", ha detto il primo ministro, annunciando che in ospedale ci andranno solo quelli che hanno bisogno di ossigeno e che sono in condizione di non poter restare a casa. Gli altri verranno monitoraticon i sistemi della telemedicina e dovranno restare nelle loro abitazioni.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli