Tokyo, ecco il grattacielo di legno più alto al mondo

All’interno della torre negozi, uffici, un hotel oltre ad abitazioni private, terrazze, cascate e giardini pensili.

I lavori finiranno nel 2041 e quell’anno si potrà salire su un grattacielo da record. Si chiama W350 ed è una torre costruita dalla Sumitomo Forestry. Sarà alto 350 metri, non certo un record per un grattacielo, ma un record incredibile per una torre costruita con il legno.

Ovviamente la parola d’obbligo è sostenibilità e la W350 svetterà su un comprensorio tutto pensato per essere ecologico e pulito. Il progetto della Sumitomo è fatto in collaborazione dello studio di architettura Nikken Sekkei, che ha iniziato la progettazione di un intero quartiere formato da 70 edifici costruiti esclusivamente in legno e acciaio e vetro, dislocate su un’area di 6500 metri quadrati per un totale di 455 mila metri quadrati di superfici calpestabili.

All’interno della torre negozi, uffici, un hotel oltre ad abitazioni private, terrazze, cascate e giardini pensili. La torre sarà costruita utilizzando un cosiddetto legno ibrido, cioè un materiale con un cuore d’acciaio e che, visto che siamo in Giappone, ha una fortissima resistenza in caso di terremoti, ma anche in caso d’incendio.

Per realizzare la W350 i costi di costruzione (quantificati in 4,73 miliardi di euro, ndr.) saranno il doppio rispetto ad un edificio convenzionale e verrà utilizzato un quantitativo di materiale sufficiente per costruire 8 mila case. Soldi, però, spesi guardando all’impatto ambientale e alla sostenibilità, con un quartiere in pieno centro a Tokyo pulito che migliora la qualità di vita di chi ci vive e lavora.

Ma non solo, perché la scelta della Sumitomo di utilizzare del legno per costruire un grattacielo alto 350 metri ha anche un’altra motivazione. Con la costruzione della torre W350, infatti, vi sarà una spinta importante data all’industria del legno, particolarmente importante per alcune aree rurali del Giappone interessate alla riforestazione.