Tommaso Zorzi: lo sfogo social e la rivelazione di una sua foto intima diventata virale

·1 minuto per la lettura
tommaso zorzi
tommaso zorzi

Tommaso Zorzi si è svegliato stamane con una notizia non proprio rassicurante, essendo venuto a sapere che qualcuno ha comprato a sua insaputa dei BOT per fargli aumentare i follower su Instagram in maniera illegale. La mossa potrebbe di fatto screditarlo agli occhi di futuri sponsor, com’è già successo anche a Natalia Paragoni.

Il vincitore del Grande Fratello Vip 5 ha pertanto voluto esprimere il proprio dissenso direttamente dal suo profilo ufficiale. Dichiarando che “chiunque sta sprecando energie e denaro per questa pagliacciata ha commesso due grandi errori”, Tommy ha fatto nel dettaglio due precisazioni:

“A) credere che a me importi qualcosa del numero di followers che ho. B) credere che questo possa arrecarmi danni o disagi. È da tempo che ripeto che la carriera che sto intraprendendo è in televisione, non qui su Instagram. I social per me sono un contatto diretto per parlare con chi è interessato a quello che dico e non una fonte di guadagno. E se su quasi 2 milioni di followers un imbecille me ne ha comprati 10 mila per farmi un dispetto, allora questa sera accenderò il palo santo per lui e pregherò per it suo TSO”.

tommaso zorzi sfogo social
tommaso zorzi sfogo social
tommaso zorzi sfogo social
tommaso zorzi sfogo social

Tommaso Zorzi: il racconto sulla foto intima

L’influencer milanese ha poi raccontato un aneddoto riferito a una foto del suo organo genitale diventata virale su Twitter. L’ex gieffino ha spiegato di non aver potuto chiamare nessuno fisicamente per farla rimuovere dal social network, precisando come tutto ciò avrebbe potuto causargli seri danni, anche psicologici. Se infatti lo scatto fosse arrivato ai giornali, tutti possiamo immaginarne le conseguenze…

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli