Topo morto rinvenuto in un panino al supermercato: l’orrore immortalato in un video

·2 minuto per la lettura
svizzera
svizzera

In Svizzera, è stato trovato un topo morto all’interno di una confezione di plastica che conteneva dei panini. La vicenda si è verificata in un punto vendita afferente alla catena di supermercati Aldi.

Svizzera, topo morto in una confezione di panini in un punto vendita Aldi: il video virale

Nella giornata di sabato 13 novembre, un gruppo di adolescenti ha girato un video con il quale ha immortalato un raccapricciante ritrovamento. All’interno di una confezione di plastica che conteneva dei panini, i ragazzi hanno notato la presenza di un topo morto. L’agghiacciante circostanza è avvenuta presso uno dei punti vendita Aldi situati a Losone, città situata nel distretto di Locarno, nel Canton Ticino, in Svizzera.

In seguito al ritrovamento, quindi, i giovani hanno girato la clip che è stata poi condivisa su WhatsApp, facendo dapprima il giro delle chat e poi venendo postata sui social network, diffondendosi in contesto internazionale.

Svizzera, topo morto in una confezione di panini in un punto vendita Aldi: segnalazione

La presenza di un topo morto all’interno della confezione di panini in vendita in un punto Aldi è stata rapidamente segnalata alle autorità locali competenti.

In seguito alla segnalazione diffusa, la catena di grandi magazzini ha tentato di giustificarsi e ha asserito che il punto vendita non è infestato da topi. La società, quindi, ha riferito che il roditore potrebbe essere entrato all’interno del sacchetto di plastica nel magazzino del fornitore.

Intanto, il prodotto è stato prontamente ritirato dal mercato.

svizzera
svizzera

Svizzera, topo morto in una confezione di panini in un punto vendita Aldi: il direttore Forrer

In merito alla vicenda, il chimico cantonale ha sottolineato di aver già osservato in passato la presenza “molto rara” di roditori in luoghi come i magazzini alimentari o, ancora, nei ristoranti, precisando: “Può capitare, ma non deve capitare. In genere si tratta di magazzini sotterranei in cui le derrate sono confezionate e chiuse, ma la presenza di un topo o anche solo di mosche e insetti viene sanzionata severamente”.

La questione è stata affrontata anche dal Laboratorio cantonale, che è ufficialmente responsabile dei controlli attuati per verificare il rispetto delle misure igieniche e sanitarie nel contesto del commercio al dettaglio.

A questo proposito, il direttore del Laboratorio cantonale, Nicola Forrer, ha dichiarato che quanto accaduto nel punto vendita Aldi a Losone rappresenta un caso “inaccettabile”. Contattato da Ticinonews, inoltre, il direttore Forrer ha aggiunto: “Se un topo si trova all’interno della confezione di un prodotto alimentare, qualcosa è andato storto nei piani aziendali di lotta agli infestanti – e ha aggiunto –. Il controllo di ogni singolo prodotto è impossibile ma ogni azienda è comunque tenuta a implementare un concetto di autocontrollo, costituito da misure preventive che vogliono evitare casi di questo tipo”.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli