Torino, 3 giorni di dibattiti su pace e dialogo promossi dal Meic

Gci

Roma, 19 ott. (askanews) - Dal 25 al 27 ottobre, a Torino, tre giorni di dibattiti e visite alla città nel nome della pace. Il Movimento ecclesiale di impegno culturale vuole raccogliere una sfida difficile: far incontrare persone dalle appartenenze religiose e culturali diverse per confrontarsi sulla convivenza tra i popoli e sullo sviluppo sostenibile. Il convegno "La pace è ogni passo" dà appuntamento nella Sala Sangalli, a Valdocco (via Maria Ausiliatrice 32) a coloro che vogliono capire qual è la situazione del pianeta e conoscere chi sta già realizzando esperienze concrete di condivisione.

"Parlare di pace oggi, quando i venti di guerra sono tornati a soffiare in terra siriana con l'aggressione al popolo curdo, e il suo seguito di morte, distruzione, esodi di massa, sembra a molti un esercizio inutile e quasi ingenuo", spiega Beppe Elia, presidente nazionale del Meic. "Eppure siamo convinti che, non solo attraverso il necessario dialogo fra i responsabili degli stati, ma anche per mezzo di una grande mobilitazione di coscienze, una discussione franca e coraggiosa sulle ragioni dei conflitti, un impegno di ogni comunità, anche piccola, a seminare gesti di fraternità e a gridare il rispetto della vita e dei diritti di ogni uomo e donna, la pace potrà camminare".

Il convegno si aprirà venerdì pomeriggio, 25 ottobre, con un'analisi delle crisi mondiali presentata da Paolo Beccegato, vicedirettore della Caritas italiana, che spiega come armi, povertà e nuove schiavitù alimentano la "terza guerra mondiale a pezzi". Alla sera, Ernesto Olivero, fondatore del Sermig-Arsenale della pace, racconterà come i giovani sono protagonisti di scelte coinvolgenti di giustizia e fraternità.