Torino, Carabinieri usano Taser per fermare sospetto

torino carabinieri taser

I Carabinieri di Torino hanno dovuto ricorrere all’uso del Taser, l’arma sperimentale in dotazione alle forze dell’ordine, capace di colpire attraverso impulsi elettrici. Tutto ha avuto inizio nella notte di Sabato 3 Agosto 2019. Stando a quanto riportato dal sito ilgiornale.it, una violenta rissa si è scatenata all’interno del bar “Corazon” di Torino. A segnalare quanto stava accadendo nel locale alcuni residenti, i quali hanno chiamato l’intervento dei Carabinieri. I militari sono giunti immediatamente sul posto ma, alla loro vista, tutti i partecipanti sono fuggiti facendo perdere le loro tracce.

Tutti tranne uno, Mouhcine El Baz, marocchino di 27 anni. Il giovane, in evidente stato di alterazione psicofisica dovuto all’eccessivo consumo di alcol, è rimasto indietro e nonostante le sue condizioni ha inveito contro i Carabinieri utilizzando dei cocci di vetro. Quest’ultimi dopo vari avvertimenti, si sono visti costretti a premere il grilletto e sparare i dardi ad impulsi elettrici.

Torino, Carabinieri usano taser

Mouhcine El Baz è stato quindi trasportato al pronto soccorso del San Giovanni Bosco per tutti gli accertamenti necessari. Una volta dimesso, i Carabinieri lo hanno arrestato con l’accusa di danneggiamento, rissa, resistenza e violenza a pubblico ufficiale. Il locale, situato in corso Giulio Cesare, è stato teatro di un’altra violenta rissa durante il mese di Febbraio 2019. Il locale, inoltre, era rimasto chiuso per un breve periodo nel 2018 poichè considerato dai Carabinieri come luogo frequentato da delinquenti.