Torino, scoperto enorme bunker della droga: coltivavano marijuana

Torino, scoperto enorme bunker della droga: coltivavano marijuana

Incredibile la scoperta fatta dai Carabinieri nel piccolo paesino di Lauriano, nella provincia di Torino. Le forze dell’ordine hanno fatto irruzione in una grossa villa apparentemente disabitata ed hanno scoperto un vero e proprio impero della marijuana. La Polizia della compagnia di Chivasso, aiutata dai colleghi della stazione di Casalborgone e della polizia forestale della zona, ha trovato un bunker all’interno del quale veniva coltivata una grandissima quantità di marijuana.

Le forze dell’ordine locali hanno arrestato due italiani, uno di 33 e l’altro 37 anni, ritenuti responsabili della coltivazione e dello spaccio della sostanza stupefacente. I reati di cui dovranno rispondere sono di produzione di sostanze stupefacenti e furto di energia elettrica. All’interno della fortezza, era installato un sistema di sicurezza all’avanguardia con numerosissime telecamere che permettevano il controllo di tutti gli angoli della villa.

I ritrovamenti dei Carabinieri

Dopo l’incursione all’interno della villa, le forze dell’ordine hanno dato alla luce sette stanze dentro le quali scorrevano lunghi fili di alluminio, necessari per la coltivazione intensiva di marijuana. Non solo, all’interno della struttura erano presenti anche alcuni sistemi di climatizzazione e di zone adibite all’essiccazione con lampade riscaldanti.

1264 sono state le piante di marijuana rinvenute all’interno dell’edificio. Inoltre, tutti i macchinari utilizzati nel processo produttivo erano attaccati alla corrente elettrica pubblica: lampade di riscaldamento, ventilatori e climatizzatore erano attaccati ad otto motori. Inoltre, durante le ricerche delle forze dell’ordine, sono stati trovati più di 130mila euro e 100 chili di marijuana già pronta per essere venduta.