Torino, i vaccini al museo: la scelta del Castello di Rivoli

Red
·1 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Torino, 22 apr. (askanews) - Dal 29 aprile 2021 sarà possibile vaccinarsi al Castello di Rivoli Museo d'Arte Contemporanea, in provincia di Torino. Primo museo d'arte contemporanea al mondo che destina sale espositive a sede vaccinale. Il giovedì, venerdì e sabato dalle ore 10 alle ore 16 nelle sale della mostra di Claudia Comte al terzo piano del Museo verranno somministrati i vaccini anti Covid-19.

Il Castello di Rivoli in collaborazione con la Città di Rivoli e l'Asl To3 ha definito un progetto-pilota per destinare il Museo a sede per le vaccinazioni a sostegno del Piano Nazionale di Vaccinazione Covid-19 in sinergia con 'Cultura Italiae' che aveva proposto la riapertura dei luoghi della cultura quali nuovi presidi a tutela della salute dei cittadini. Il Castello di Rivoli è il primo museo d'arte contemporanea al mondo che destina sale espositive a sede vaccinale.

In occasione delle vaccinazioni, l'artista ha creato appositamente una nuova opera sonora che sarà diffusa negli spazi a partire dal 29 aprile. Durante la permanenza nelle sale che ospitano la sede vaccinale, i vaccinandi potranno ascoltare l'opera sonora 'The Pattern That Connects', 2021 composta dall'artista con la collaborazione di Egon Elliut.

Vittoria Poggio, assessore alla Cultura, Turismo e Commercio della Regione Piemonte, esprime il suo ringraziamento a nome della Giunta regionale "per avere deciso di mettere a disposizione della popolazione il Museo d'Arte Contemporanea come centro vaccinale" e aggiunge: "Continuiamo a costruire cultura con impegno e visione, nella speranza che si possa tornare presto a riaprire tutti gli spazi museali in sicurezza".