Torino, violenze su detenuti: la reazione di Salvini

Torino, violenze su detenuti: 6 agenti ai domiciliari

Sei agenti della polizia penitenziaria della Casa Circondariale Lorusso e Cutugno di Torino, come riporta Ansa, sono stati arrestati e posti ai domiciliari con l’accusa di violenze sui detenuti.

LEGGI ANCHE: Milano, trovato morto in auto: ucciso a colpi di pistola

Il reato contestato agli agenti è di tortura, previsto dall’articolo 613 bis del codice penale che “punisce con la reclusione da 4 a 10 anni chiunque, con violenze o minacce gravi ovvero agendo con crudeltà cagiona acute sofferenze fisiche o un verificabile trauma psichico a persona privata della libertà personale”.

VIDEO - Reati, a Milano il primato italiano

L’inchiesta è scattata da una segnalazione del Garante delle persone private della libertà, per episodi commessi tra aprile 2017 e novembre 2018. La Procura ha spiegato che il provvedimento riguarda "plurimi e gravi episodi di violenza".

L’indagine, oltre alle sei persone poste ai domiciliari, riguarda anche altri indagati a piede libero. L’inchiesta, ancora in corso, è volta ad accertare le responsabilità penali di altre persone e a verificare se ci siano stati episodi analoghi oltre a quelli già denunciati.

VIDEO - Salvini: “Il malore? Colpa di Renzi”

La reazione di Matteo Salvini

"Uno Stato civile punisce gli errori, se uno sbaglia in divisa sbaglia come tutti gli altri”, ha detto Matteo Salvini parlando della vicenda. “Però che la parola di un detenuto valga gli arresti di un poliziotto a me fa girare le palle terribilmente".

"Quindi la mia massima solidarietà a quei sei padri di famiglia" ha aggiunto il segretario della Lega.