Torino, Zelensky e Putin si baciano nel mese del Pride

Zelensky e Putin che si baciano sulla bocca. È quanto è ritratto nei manifesti appesi nel centro di Torino, in corso San Maurizio e viale Primo Maggio, con una scritta che recita "#prideandlove". È l'opera dello street artist torinese Andrea Villa, noto anche come il 'Banksy torinese', affissa nel capoluogo piemontese in occasione del Pride Month mentre in Ucraina non si ferma la guerra scatenata dalla Russia.

Villa ha spiegato così la sua creazione: "Per creare questo manifesto mi sono ispirato al bacio della East Side Gallery di Berlino. È stato realizzato dall'artista Dmitri Vrubel nel 1990 e raffigura Leonid Il'ič Brežnev e Erich Honecker, nel 1979 rispettivamente segretario generale dell'Urss e presidente della Ddr, nell'atto di scambiarsi un bacio fraterno sulle labbra per salutarsi in una cerimonia ufficiale".

Quell'opera doveva rappresentare "la solidità del legame tra i due Paesi, la stessa che il Muro ormai crollato sottolineò come un esperimento chiaramente fallito. Un parallelo con la stessa utopia di pace europea, ormai tramontata anch'essa", ha aggiunto l'artista. "Ho voluto rappresentare l'orgoglio (Pride) della Russia, Paese che non ha mai conosciuto una vera democrazia, perché troppo spaventata di poter perdere il suo ruolo di potenza mondiale, e la speranza (Love) che i due stati (Russia ed Ucraina) possano riappacificarsi e porre fine al conflitto".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli