Torna "Con-Vivere Carrara Festival" dal 5 all'8 settembre

Xfi

Firenze, 29 ago. (askanews) - Da Socrate a twitter, fino alla formazione dell'attuale classe dirigente in Cina. Torna 'Con-vivere Carrara Festival', che dal 5 all'8 settembre si occuperà appunto di 'Formazione', in una naturale prosecuzione del cammino intrapreso sul tema 'Lavoro' al centro dell'edizione del 2018. La rassegna organizzata dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Carrara, sotto la direzione scientifica di Remo Bodei, è stata presentata questa mattina, giovedì 29 agosto, nella sala Barile di palazzo del Pegaso. Il programma di quest'anno prevede oltre ottanta appuntamenti tra cui mostre, concerti, spettacoli, film, ma anche lezioni magistrali e il festival dedicato alle scuole, per approfondire le molte questioni legate al tema di come educare, istruire, formare.

A far gli onori di casa in palazzo del Pegaso il presidente del Consiglio regionale, Eugenio Giani, con il consigliere Giacomo Bugliani. Il presidente ha definito Con-vivere "non solo il riferimento di Carrara città della cultura, ma un tassello dell'immagine più complessiva che la Toscana offre sul piano culturale". Particolarmente stimolante, secondo Giani, il tema della formazione declinato "nell'Italia di oggi, che rinnova un'immagine culturale nei 500 anni di Leonardo da Vinci". "La formazione oggi - ha aggiunto il presidente - deve avere attraverso la cultura un'arma critica di conoscenza".

Per Giacomo Bugliani, che ha introdotto la presentazione, il Festival "permette di cogliere in senso pieno il tema della formazione e educazione, intesa come istruzione alla civiltà, alla formazione dell'uomo; come strumento di esaltazione della capacità dell'uomo". Per quattro giorni Carrara sarà "a celebrare questi valori" e grazie alla molte, importanti iniziative messe in campo, la città "potrà emergere nel panorama nazionale come uno dei centri più vivi del nostro territorio".