Torna il ciclone Poppea: allerta maltempo in dodici regioni

·1 minuto per la lettura
Maltempo Poppea
Maltempo Poppea

Allerta maltempo per diverse regioni italiane: è previsto il ritorno del ciclone “Poppea“, che porterà con sé forti perturbazioni.

Allerta Maltempo, ritorna Poppea

Una vasta perturbazione di origine atlantica è approdata su gran parte della nostra Penisola, determinando una fase di spiccato maltempo che sta interessando soprattutto il Centro-Nord e parte del Sud. Si tratta di un nuovo ed intenso ciclone carico di temporali, freddo e perfino neve, che prende il nome di “Poppea”.

L’allerta maltempo è stata lanciata, in quanto potrebbe determinare precipitazioni e venti anche di notevole intensità, proprio come quelli generati da Medicane, che hanno sommerso soprattutto la Sicilia alla fine di ottobre.

Maltempo, da dove arriva Poppea

L’anomalia meterologica va ricercata ancora una volta nello scontro tra aria fredda e correnti calde, anche se in questo caso la perturbazione viene accompagnata da aria più fredda in arrivo dal nord Europa e proietta il nostro Paese verso un deciso peggioramento del tempo, con il rischio di piogge intense e temporali su buona parte del Centro-Nord.

Quello che preoccupa è il cammino di Poppea bis: infatti, il peggioramento raggiungerà anche la Campania, dove saranno possibili dei veri e propri nubifragi con forti venti soprattutto a ridosso dei litorali.

Maltempo, cosa caratterizza Poppea

La presenza di aria fredda dovrebbe dar vita ad un brusco calo delle temperature, più avvertibile sulle regioni settentrionali, con la possibilità più che concreta di un ritorno di importanti nevicate sul comparto alpino: i fiocchi potranno essere anche copiosi a quote relativamente basse, intorno ai 1200/1300 metri, specie sulle montagne lombarde, trentine, venete e friulana.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli