Torna il festival 'La città dei lettori', più di 100 ospiti e oltre 80 eventi a Firenze e in Toscana

(Adnkronos) - Più di 80 eventi e oltre 100 ospiti diffusi su 27 giornate e 12 tappe in altrettanti comuni della Toscana, tra giugno e ottobre: sono questi i numeri dell'edizione 2022 de "La città dei lettori", il festival che da cinque anni coinvolge autori, illustratori, traduttori e curatori di primo piano con l'obiettivo di promuovere il libro e la letteratura.

"Leggere ci unisce": ecco il messaggio che per quest'anno accompagnerà il progetto culturale di Fondazione Cr Firenze e Associazione Wimbledon APps, con la direzione di Gabriele Ametrano. "In un'epoca che fa dell'isolamento e dello scontro i suoi tratti salienti, dalla pandemia alla guerra, l'obiettivo è proporre la cultura come connettore di popoli e d’incontro tra esseri umani, al di là di barriere geografiche e ideologiche", spiega Ametrano.

Tra i protagonisti nomi di punta della letteratura contemporanea italiana e non solo: da Roberto Saviano a Francesco Guccini, da Paolo Nori a Francesca Michielin, e poi Vera Gheno, Jonathan Bazzi, Carlotta Vagnoli, Alan Friedman, Marco Malvaldi, Carlo Sisi, Alba Donati, Giorgio van Straten, Elena Stancanelli, Enrica Tesio, Catena Fiorello, Marco Vichi, Fabio Genovesi e Piero Pelù. E ancora: Sveva Casati Modigliani, Vanessa Roghi, Laura Marzi, Ilaria Gaspari, Marco Baliani, Nicola Gardini e Claudio Piersanti, oltre a una rosa di ospiti internazionali, che per la prima volta arrivano al festival: lo scrittore e giornalista argentino Martín Caparrós, l’autrice uruguayana Fernanda Trías, i romanzieri francesi Luc Lang e Olivier Guez, l’esordio letterario dell'anno da Israele Itamar Orlev, il celebre illustratore parigino Barroux.

Un percorso tra presentazioni, incontri, anteprime, talk, conferenze, reading e attività per giovani lettori che si aprirà a Firenze dal 9 al 12 giugno, per il quinto compleanno dell’appuntamento a Villa Bardini, e continuerà poi per il secondo anno consecutivo a Grosseto, dal 22 al 23 giugno, e ad Arezzo, dal 25 al 26 giugno. Prima volta a Lucca dal 7 all’8 luglio, mentre in continuità con l’anno passato il festival tornerà a Villamagna – Volterra (Pi) dal 9 al 10 luglio. Altra prima edizione a Monteriggioni (Si), dal 15 al 16 luglio, mentre in autunno sono riconfermati gli appuntamenti a Calenzano (Fi), dal 1 al 3 settembre, a Bagno a Ripoli (Fi), dal 9 al 10 settembre, a Campi Bisenzio (Fi), dal 15 al 16 settembre, a Montelupo Fiorentino (Fi), dal 23 al 24 settembre, e a Pontassieve (Fi), dall'8 al 9 ottobre. Conclusione con un’ulteriore prima edizione a Impruneta (Fi), il 28 e il 29 ottobre.

Sei in tutto le province toccate, per raggiungere un pubblico sempre più ampio in piccoli e grandi centri, aderendo al Patto regionale per la lettura promosso dalla Regione Toscana e ai Patti per la lettura delle città che hanno ricevuto il riconoscimento "Città che legge" del Centro per il libro e la lettura del Ministero per i beni e le attività culturali e per il turismo.

Tante le novità: da segnalare il doppio appuntamento con la cinquina del Premio Strega, che sarà ospite della tappa fiorentina del festival per il primo incontro con il pubblico dopo la selezione. A seguire gli autori e le autrici in corsa per il riconoscimento approderanno, per la prima volta nella storia del Premio, ad Arezzo dei lettori. Sono previsti inoltre altri incontri in collaborazione con Premio Strega e Fondazione Maria e Goffredo Bellonci durante l’intero programma.

Nasce poi il Premio La città dei lettori: al termine del festival gli oltre 250 iscritti ai circoli lettura dei soci Unicoop voteranno, tra gli scrittori e le scrittrici partecipanti all’edizione 2022, il vincitore sia per meriti letterari che per empatia con il pubblico, che sarà annunciato a marzo 2023 insieme alle nuove date dell’iniziativa. Il riconoscimento prevede, oltre all’invito alla prossima edizione de La città dei lettori, un premio in denaro e un soggiorno presso Le Lappe Relais, nel cuore del Chianti. Con il sostegno e la collaborazione di Unicoop Firenze.

"Questa edizione – dichiarano il presidente di Fondazione Cr Firenze Luigi Salvadori e il presidente della Fondazione Parchi Monumentali Bardini e Peyron Jacopo Speranza – è ancora più ricca delle precedenti e ha numerose appendici in tutto il territorio regionale che la estendono ben oltre i giorni del festival. Ci sembra anche assai opportuno, in un momento così drammatico della nostra storia, cercare, attraverso il libro e la lettura, il dialogo e il confronto che siano capaci di superare ogni divisione. Ringrazio l’Associazione Wimbledon e al suo infaticabile presidente Gabriele Ametrano per la sensibilità dimostrata e per quanto stanno facendo per avvicinare al piacere della lettura anche nuove tipologie di pubblico".

"La lettura apre nuovi orizzonti e cambia tutto - dice Gabriele Ametrano, direttore de La città dei lettori e presidente dell'Associazione Wimbledon Aps – “esiste però anche il ruolo sociale e collettivo della lettura, che crea comunità, elimina le distanze e rende partecipi nella condivisione del sapere. Dopo la pandemia e alla luce della situazione internazionale abbiamo bisogno di incontro, non di ulteriori scontri. Questo è per noi il libro: qualcosa che unisce al di là di barriere, delle ideologie e dei confini. Nasce così “Leggere ci unisce", e con questa idea ho immaginato il programma di questa quinta edizione de La città dei lettori. Un festival che possa dare spazio alla cultura e alla connessione tra le arti, che possa ricordare il nostro passato e guardare al futuro".

GLI EVENTI IN EVIDENZA

Le celebrazioni e i ricordi

Ad inaugurare le giornate del festival, il 9 giugno a Villa Bardini, Firenze, saranno le celebrazioni per i 10 anni di Edizioni Clichy, casa editrice indipendente nata a Firenze nel 2012 contraddistinta dall’amore per i titoli in lingua francese, di cui propone traduzioni di alta qualità. Percorsi diversi, che spaziano dalla narrativa contemporanea ai classici, dai libri per ragazzi alla saggistica, per raggiungere le diverse tipologie di lettori, sotto il denominatore comune della bellezza sia nella scrittura che nei contenuti. L’intera giornata sarà dedicata alle pubblicazioni e agli autori targati Clichy, e appuntamenti legati alla ricorrenza saranno proposti nel cartellone del festival fino a ottobre.

Inoltre, in collaborazione con Gabinetto Vieusseux e nell’anniversario dei 100 anni dalla nascita di Pier Paolo Pasolini, sabato 11 giugno sempre a Firenze, lo studioso Franco Zabagli condurrà una lectio dal titolo: “Pier Paolo Pasolini. Dalle carte al libro”, appuntamento già proposto da La città dei lettori durante il programma della fiera Testo e replicato a grande richiesta. Un omaggio a Pasolini sarà tenuto anche, in autunno, dalla compagnia Murmuris, con letture da testi del grande scrittore, regista e poeta. In programma, inoltre, incontri con scrittori e scrittrici che hanno celebrato PPP nelle loro opere pubblicate durante l’ultimo anno.

E ancora: il professore Carlo Sisi, storico dell’arte, presidente dell’Accademia di Belle Arti di Firenze e già direttore della Galleria d’Arte Moderna e della Galleria del Costume di Palazzo Pitti di Firenze, sabato 11 giugno a Firenze terrà una conferenza dal titolo “Canova 1822” su Antonio Canova nel bicentenario della morte.

Il disastro della Costa Concordia, con il suo impatto bruciante, verrà riportato in primo piano il 23 giugno a Grosseto con l’incontro “Dieci anni dalla Concordia”, che vedrà la presenza di Sabrina Grementieri e Mario Pellegrini, autori del libro “La notte della Concordia” (Rizzoli), del giornalista Simone Innocenti e di altri testimoni della vicenda che nel 13 gennaio del 2012 costò la vita a 32 persone.

Due gli appuntamenti con Emergency, in ricordo di Gino Strada. Il primo il 12 giugno, a Firenze, alla presenza della presidente dell’associazione Rossella Miccio che presenterà “Una persona alla volta” (Feltrinelli), il racconto in prima persona di una missione lunga una vita, mentre il secondo è in cartellone per l’autunno. Lo stesso giorno, sempre a Firenze, la proposta del festival si arricchirà di un omaggio allo sceneggiatore, commediografo e regista italiano Mattia Torre, recentemente scomparso, noto per aver creato, insieme a Luca Vendruscolo e Giacomo Ciarrapico, l’iconica serie televisiva “Boris”, e per le collaborazioni con Valerio Mastandrea, Serena Dandini e Corrado Guzzanti. Inoltre è previsto per il 10 giugno, a Firenze, un momento dedicato a Sergio Nelli, scrittore sensibilissimo e particolarmente presente sul territorio, venuto a mancare proprio quest’anno. A ricordarlo saranno le parole di Valerio Aiolli, Emiliano Gucci, Carmelo Marcianò, Giuseppe Munforte e Vanni Santoni, oltre che l’ultima pubblicazione dello stesso Nelli, “Lo champagne di Cechov” (Amos Edizioni).

Le anteprime

Il 12 giugno a Firenze sarà una giornata dedicata alle anteprime. Arriveranno infatti a La città dei lettori, in anticipo sull’uscita in libreria, “L’anno capovolto” (Atlantide) di Simone Innocenti e “Io sono l’Indiano, La prima indagine dell’Ispettore Massimo Valeri” (Rizzoli) di Antonio Fusco.

Collaborazioni con premi letterari e realtà culturali

Oltre ai due appuntamenti con la cinquina del Premio Strega, previsti il 10 giugno a Firenze e il 26 giugno ad Arezzo, il programma de La città dei lettori conta quest’anno importanti collaborazioni con fiere, festival, premi, scuole di scrittura e realtà culturali di tutta Italia.

Domenica 12 giugno a Firenze le librerie saranno al centro di “Leggere in libreria, leggere librerie”, un evento nell’evento creato in sinergia con Testo, la fiera dell’editoria promossa da Pitti Immagine e Stazione Leopolda, che vedrà l’intervento di librai e libraie da tutta la Toscana, da Prato a Pietrasanta, da Empoli a Pontedera, con il coordinamento di Pietro Torrigiani della libreria Todo Modo di Firenze. Grazie al contributo del festival Puerto Libre il 10 di giugno sarà a Firenze Martín Caparrós con la sua nuova opera “La fine dell’era di fuoco. Cronache di un presente troppo caldo” (Einaudi), in dialogo con Fabio Deotto. E ancora: il festival Lucca Città di Carta parteciperà il 7 luglio a Lucca dei lettori con alla presentazione di “Non tutto è perduto” (Guanda), l’ultimo caso del commissario Bordelli firmato da Marco Vichi.

Si terrà poi il 10 giugno a Firenze, nell’ambito del cartellone del festival, la premiazione della XXI edizione del concorso letterario Libernauta, dedicato a ragazzi e ragazze tra i 14 e i 19 anni. Il 12 giugno, ancora a Firenze, in collaborazione con il Premio Letterario Internazionale Ceppo Pistoia, sostenuto da Fondazione Cassa di Risparmio di Pistoia e Pescia, si terrà l’incontro col vincitore del Premio Ceppo Racconto Giuseppe Zucco, in dialogo con Luca Ricci e con il direttore del riconoscimento Paolo Fabrizio Iacuzzi. Inoltre sarà a Lucca il 9 luglio il vincitore del Premio Mastercard Letteratura Claudio Piersanti con il suo “Quel maledetto Vronskij” (Rizzoli), in sinergia con il Premio Mastercard e Busajo Onlus.

(di Paolo Martini)

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli