Torna Milano Pride, città arcobaleno il 2 luglio

(Adnkronos) - Milano si tinge di arcobaleno: il 2 luglio torna la parata del Milano Pride, con il tema 'Diritti senza conflitti'. Organizzato dal Cig Arcigay Milano in collaborazione con le associazioni del Coordinamento Arcobaleno, il coordinamento delle associazioni Lgb+ di Milano e Città Metropolitana, l'evento porterà i colori della comunità Lgbtqia+ per le strade della città. Al via oggi anche la Pride Week con iniziative diffuse su tutta la città, e le Pride Square previste per il 30 giugno e 1 luglio in Porta Venezia: dibattiti, talk, arte e cultura. "Doverosa", da parte degli organizzatori, una riflessione sul tema della guerra in Ucraina, così come la solidarietà alla resistenza del popolo ucraino, sul palco, con attivisti Lgbtqia+.

L'appuntamento il 2 luglio è in via Vittor Pisani, davanti a Piazza Duca d’Aosta di fronte alla Stazione Centrale. La testa del corteo partirà da piazza Repubblica alle 15 per continuare lungo viale Monte Santo, i Bastioni di Porta Nuova, piazza XXV Aprile, i Bastioni di Porta Volta e viale Elvezia, fino a giungere di fronte all’Arena: qui la parata a piedi attraverserà il parco per giungere poi in Arco della Pace. Qui dalle 18 avrà inizio il grande evento finale, quest’anno più lungo per permettere alla comunità arcobaleno e a tutta la città di godere a pieno del momento conclusivo della manifestazione: ci saranno le rivendicazioni delle associazioni Lgbtqia+ e dei loro ospiti, i saluti delle istituzioni, oltre che momenti di entertainment e musica che farà danzare i partecipanti fino a mezzanotte. A fare da sfondo alla manifestazione la frase di Gino Strada: “I diritti degli uomini devono essere di tutti gli uomini, proprio di tutti, sennò chiamateli privilegi”.

Presenteranno questa edizione due team di conduttori: prima Katia Follesa, Valeria Graci e Pietro Turano, e a seguire Michela Giraud e Pierluca Mariti. Fra gli artisti sono attesi: Baby K, Francesca Michielin, Michele Bravi, Emma Muscat, Miss Keta, Immanuel Casto, le Karma B, Romina Falconi, Debora Villa e le drag di Drag Race Italia. È previsto per la prima volta anche una premiazione simbolica per la realtà che avrà allestito il carro considerato più eco-friendly: i temi dell’ambiente sono in prima fila nella mente degli organizzatori, che incentiva i partecipanti a sfilare tenendo conto dei diritti del pianeta. Durante l’evento sarà presente il servizio di interpretariato in Lis. Tutto l’evento sarà inoltre fruibile in streaming sul canale YouTube del Milano Pride grazie alla collaborazione con Fastweb. Nell’ottica della solidarietà si muove invece il Rainbow Social Fund, il fondo dedicato ai progetti sociali e iniziative culturali, dedicato a chi necessita supporto, dentro e fuori la comunità.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli